Stampa Stampa
54

PRESUNTA TRUFFA AGGRAVATA, 33ENNE AI DOMICILIARI NEL CATANZARESE


Avrebbe chiesto soldi ad un’anziana perché il figlio ha avuto un incidente

di REDAZIONE 

MAIDA (CZ) –  21 NOVEMBRE 2023 –  “Signora suo figlio ha avuto un grave incidente, è necessario del denaro per sostenere le spese legali e sanitarie”.

E’ questa la frase che si sarebbe sentita dire al telefono un’anziana signora della frazione di Vena nel Comune di Maida (CZ) da ignoto interlocutore che, continuando, le avrebbe riferito che di lì a poco sarebbe passato da casa un legale a ritirare il denaro occorrente.

 La donna visibilmente scossa e frastornata avrebbe consegnato quanto presente in casa, risparmi di una vita, gioielli e monili del valore complessivo di 17.000 euro circa, all’ignoto che si sarebbe presentato e datosi poi a repentina fuga.

Si sarebbe concretizzato cosi il più classico dei casi di truffa ad anziani, reato deplorevole che colpisce una categoria debole e indifesa.

Successivamente dopo aver capito di essere stata vittima di un raggiro la donna ha denunciato i fatti ai Carabinieri della stazione di Maida.

I militari hanno avviato -sin da subito indagini serrate, al fine di addivenire all’identificazione del presunto autore.

Gli accertamenti, per lo più di natura tradizionale, svolti con celerità e riservatezza, hanno consentito in brevissimo tempo ai militari dell’Arma di risalire al presunto autore della truffa che nella giornata dell’evento sarebbe partito dalla sua città di origine, il capoluogo partenopeo, ritornandovi a truffa eseguita nella stessa giornata.

Gli elementi acquisiti a carico del soggetto costituiscono gravi indizi di reità in ordine al delitto di truffa aggravata, con conseguente applicazione al medesimo, sussistendo specifiche esigenze cautelari, della misura cautelare degli arresti domiciliari che, in data 15 novembre scorso, veniva eseguita dai Carabinieri della Stazione di Napoli Borgoloreto.

L’uomo, un 33enne gia conosciuto alle forze dell’ordine, dovrà rispondere del reato di truffa aggravata.

L’Arma dei Carabinieri ha da tempo avviato una campagna informativa e divulgativa relativa al fenomeno deprecabile delle truffe in danno di anziani.

Tale approccio alla problematica corroborata dalla collaborazione fra i reparti operanti e la loro capillarità sul territorio ha portato alla rapida identificazione del presunto autore del reato.

La risposta odierna rappresenta in pieno l’impegno e la massima attenzione sulla delicata tematica da parte dell’Arma.

Il procedimento penale pende attualmente nella fase delle indagini preliminari.  

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.