Stampa Stampa
307

COME ERAVAMO E COME SIAMO: IL COMUNE SENSO DEL PUDORE


Su quali aspetti Alberto Sordi potrebbe porre l’accento oggi nel girare un film del genere?

di Salvatore Condito (Giornalista)

PRESERRE (CZ) –  9 MARZO 2023 – Nel 1976 appunto, Alberto Sordi gira un film interpretato oltre che da lui stesso anche da attori come Philippe Noiret, Claudia Cardinale e Cochi Pozzoni, intitolato “Il Comune Senso Del Pudore”.

In quattro episodi, Sordi col suo genio creativo mette a nudo tutti quegli aspetti della sessualità che fino ad allora erano rimasti “segreti” e che, per effetto dei tempi che cambiano, il Bel Paese si è ritrovato a vivere quasi all’improvviso.

Così c’è la coppia che decide di festeggiare le nozze d’argento andando al cinema, trovando però solo film erotici e il regista che di film hard che deve convincere un’attrice a girare una scena.

C’è poi il direttore di una rivista per adulti, arrestato per oltraggio al pudore per l’appunto e chi invece grazie a riviste del genere rinvigorisce il rapporto di coppia.

Questo era allora il pudore che oramai gli italiani avevano perso.

Il sesso non era più un tabù e così dopo omicidi e delitti efferati narrati anche in tanta cinematografia di qualità del periodo, cade anche il muro dell’amore fisico nel focolare di casa.

Questi erano gli anni ’70.

E oggi come sarebbe il comune senso del pudore?

Su quali aspetti Alberto Sordi potrebbe porre l’accento nel girare un film del genere?

Un episodio sarebbe sicuramente dedicato alla sessualità, a come sia cambiata la sua concezione, a come sia diventata di dominio pubblico – anche troppo – e alla tanta disinformazione sul sesso, in particolare tra i più giovani che ne fanno “un uso a volte smoderato”, non rendendosene conto.

Parliamoci chiaramente: chi è quel matto che si sogna di andare a fare educazione sessuale nelle scuole in maniera seria, non soltanto facendo vedere cosa sia un profilattico o una spirale? In 45 anni non è mai stato fatto nulla del genere, non seriamente. Un tabù che ci portiamo ancora dentro.

Ma il senso del pudore non riguarda più solo la sfera fisica.

Un altro episodio sarebbe dedicato sicuramente all’invidia, alla voglia di apparire e di mettersi in mostra, al non sapersi mai accontentare e di riflesso, ad odiare chi ha più di noi ed avere pena o ignorare chi ha di meno, almeno fino a quando non arriva al nostro stesso livello o peggio se lo supera.

E di conseguenza, un episodio poi sarebbe dedicato alla meschinità e alla falsità, alla cattiveria che le persone hanno sviluppato nei confronti del loro prossimo.

Le si odiano perché hanno di più e quando poi si esagera si riesce ad andare anche oltre. Con la violenza fisica, con quella verbale e soprattutto con il comportamento che si tende ad avere nei confronti di chi non si sopporta: le persone non si ignorano più, c’è la volontà di distruggerle.

Un altro episodio potrebbe essere dedicato alla politica al desiderio sfrenato di ‘fregiarsi’ del titolo di Onorevole, Senatore Sindaco o altro, il tutto per un duplice scopo: un buon stipendio per effetto della nuova legge che porterà nei prossimi tre anni soprattutto nei Comuni ad un emolumento triplicato.

Il ruolo del politico in diversi film viene sempre esaltato per poi far emergere i lati umani di frustrazione repressioni e vizi di persone che spesso compensano il loro vuoto esistenziale, esercitando un potere di controllo sull’altro, non per il bene comune ma solo per crearsi uno spazio, in cui sentirsi onnipotente, la storia insegna la caduta dei tiranni che arrivati al potere perdevano il senso delle cose.

In questo episodio sicuramente potrebbe emergere il rampantismo di una classe politica mediocre arruffona incline alla manipolazione di menti gentili e innocue per arrivare a creare un cerchio magico in cui regni il familismo amorale e privilegi feudali.

E un ultimo episodio potrebbe essere dedicato alla curiosità e alla voglia di sapere e di conoscere che, da diritto sacrosanto, sta diventando sempre più un voler ficcare il naso ovunque, un voler sapere a tutti i costi anche ciò che non ci riguarda, un voler entrare nella vita delle persone ad ogni costo tramite i social, lo smartphone, gli appostamenti e lo stalking per i più perversi, perché purtroppo voler sapere sta facendo sempre più rima con perversione.

Il ritratto del senso del pudore che si potrebbe fare così non riguarda più solo la sessualità. È l’immagine di una società che nel primo decennio degli anni duemila è diventata sempre più spudorata ed esagerata sotto ogni aspetto.

Il pudore negli anni cinquanta era verso una ragazza che indossando una minigonna creava ‘scompenso’, oggi la nudità non fa più spettacolo perché tutto è saturo, un senso di anestesia pervade le persone diventando insensibili freddi e calcolatori difronte al re denaro.

Le persone diventano oggetto e vengono usate e consumate in rapporti falsi e manipolatori, le relazioni sempre più verticistiche né mai orizzontali in cui l’altro diventa una scoperta ma solo un fine di soddisfazione di un bisogno.

Un bagaglio culturale non indifferente quello che ci siamo portati dietro dal decennio appena trascorso.

Di cosa parlerà il comune senso del pudore nei prossimi anni, ma soprattutto esisterà ancora la parola Pudore. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.