Stampa Stampa
29

APPUNTAMENTO CHE SI RINNOVA, IL TEATRO DEL GRILLO DI SOVERATO OSPITA LE “BESTIE RARE”


Il prossimo 5 febbraio con i consueti due turni domenicali di spettacolo

di REDAZIONE

SOVERATO (CZ) –  31 GENNAIO 2023 –  Si avvicina il prossimo spettacolo al Teatro Del Grillo di Soverato.

In programma il 5 febbraio, nei consueti due turni domenicali, è atteso “Bestie rare” dell’attore e scrittore calabrese Angelo Colosimo, con la regia di Roberto Turchetta.

 Bestie rare racconta la storia di un bambino che si trova catapultato in una situazione paradossale.

Da una semplice marachella dai risvolti tragicomici,  emerge un substrato culturale cinico e spietato di un piccolo paesello della Calabria, pronto a giudicare e condannare senza remore anche se l’ imputato del “tribunale popolare” è poco più di un bambino.

Quello che all’inizio può sembrare un semplice gioco “pericoloso” da ragazzini, fatto per ammazzare il tempo, si rivelerà un gesto calcolato di vendetta. Una vendetta dovuta a soprusi, stupri e storie di pedofilia consumate da un Prete, uomo apparentemente virtuoso e rispettato dalla comunità, che servendosi di persone con disturbi mentali, adesca bambini per i suoi giochi viziosi.

Le bestie rare erano quegli animali che un tempo girovaghi esibivano proprio perché rari, esotici, provenienti da zone lontane. Come una tigre, un coccodrillo, una scimmia è per me questo testo, appunto. Qualcosa che m’affascina proprio per la sua estraneità quasi preistorica, per il suo dis-ordine misterioso.

La lingua di Bestie Rare racconta un modo di vivere in via d’estinzione, una cultura secolare meridionale che Angelo Colosimo ha incamerato durante la sua infanzia e che esplode qui dischiudendo tutti i suoi luoghi comuni, le sue gergalità, i suoi modi prosaici e poetici.

 Il testo è così affollato di metafore, così spalancato alle immagini vive che, da regista, mi son messo a fare semplicemente un po’ d’ordine qua e là, lasciando che le parole facessero tutti gli incantesimi del caso.

L’idea di regia, che il testo ha naturalmente ispirato, è quella del dromos, del corridoio. In questo caso, un corridoio circolare.

 Quindi un circo, un’arena dove dilagherà, spontanea come le mimose a primavera, la comunità intera d’un paese di Calabria, ritrovandosi a compiere un antico rito di catarsi; un piccolo Colosseo dove a fare giustizia non sarà mai la verità ma la voglia di violenza che ogni comunità crea, quasi per natura.

 Angelo Colosimo, nasce in Calabria a Lamezia Terme il 04/08/1980.

Si laurea nel 2008 al DAMS, sessione cinema, presso l’università di Bologna.

Dal 2001 inizia a frequentare corsi di Improvvisazione Teatrale con l’Associazione Culturale Belleville e a fare le sue prime esperienze con il pubblico. Nella stessa Associazione entra a far parte della compagnia del Teatro Ragazzi portando in scena più di 10 spettacoli l’anno.

Nel 2007 entra a far parte della scuola attori presso il Teatro Due di Parma che gli permette di lavorare con: Valerio Binasco, Claudio Longhi e Walter Le Moli.

Sempre nel 2007 inizia la collaborazione con Francesco Brandi.

Con quest’ultimo dal 2007 al 2011 porta in scena “Tutta colpa degli uomini” con Margot Sikabonij.

 Tantissime altre sono state le esperienze in 10 anni di professione. Da E.Sanguineti con “Storie Naturali”, a F.Mangolini “Il vecchio innamorato”, fino al 2011 con la realizzazione dello spettacolo per la città di Bologna “Bologna 150” con F. Mazza e V. Franceschi , e lo spettacolo “Dozza un Uomo (al) Comune”. 

 DATA

Domenica 5 febbraio 2023

 ORARIO

TURNO A ore 17:00

TURNO B ore 20:45

 DURATA

60 minuti senza intervallo

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.