Stampa Stampa
40

VIRUS, LA “PREOCCUPAZIONE” DEL SINDACO DI SOVERATO


Ernesto Francesco Alecci lancia l’allarme: “Comuni lasciati soli”

di REDAZIONE

SOVERATO (CZ) –  22 APRILE 2020 –  Stanchezza e preoccupazione. Sono queste le sensazioni che stanno vivendo in questo periodo di emergenza tanti amministratori locali e che sicuramente sta vivendo il sindaco di Soverato (Catanzaro), Ernesto Alecci.

Su facebook Alecci racconta la “giornata tipo” di un sindaco, alle prese con mille problematiche, che si sono moltiplicate e aggravate con le misure da adottare e da seguire per fronteggiare il coronavirus, il nuovo “nemico pubblico numero 1” che – dice Alecci – “ci costringe a entrare alle 8 di mattina al Comune e a uscirne, se tutto va bene la sera alle 22, e siamo noi a spegnare la luce, e penso che lo stesso fanno i miei colleghi”.

Soverato, una delle più rinomate località turistiche della Calabria, sulla costa ionica, e dell’intero Mezzogiorno, sta pagando un caro prezzo al coronavirus, contando alcuni casi positivi e anche una vittima, un’anziana che era ospite in uno dei focolai di Covid-19 in Calabria, la casa di cura di Chiaravalle Centrale la cui vicenda ha determinato anche l’isolamento dello stesso comune di Soverato, dichiarato “zona rossa” da un’ordinanza regionale.

Al fondo di una situazione evidentemente pesante, Alecci affida a facebook uno sfogo che è anche una richiesta di aiuto, soprattutto in prospettiva, che rivela comunque un senso di solitudine ai tempi del coronavirus.

“Sono tante le incombenze, mai così tante come in questo periodo. Penso – spiega il sindaco di Soverato – alle tante ordinanze, anche di quarantena, che dobbiamo emettere, le riunioni con la Protezione civile, con la Polizia municipale con le associazioni di volontariato per andare incontro alle tante difficoltà dei cittadini. Tutto è a carico dei Comuni.

E poi il sostegno anche psicologico ai positivi e alle loro famiglie, le risposte da dare a imprenditori e cittadini che non sanno come pagare tasse e bollette, o – aggiunge – a imprenditori e commercianti che vogliono sapere se e quando possono ripartire perché ordinanze regionali e decreti governativi hanno generato solo confusione. Ma non ci arrendiamo”. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.