Stampa Stampa
15

VIRUS, IL TREND È DISCENDENTE


Il bollettino nazionale di oggi: sono complessivamente 106.607 i malati di coronavirus in Italia. 40.164 le persone guarite, 2.072 più di ieri. 22.170 le vittime, 525 più di ieri

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  16 APRILE 2020 –  I morti pesano ancora troppo, ogni giorno, altrimenti i dati che la Protezione Civile ha comunicato oggi sarebbero tutti di segno positivo. Calo netto e deciso dei ricoverati, aumento dei guariti e livello di nuovi contagi (misurato con il rapporto tra nuovi positivi e tamponi) che resta al minimo da inizio epidemia.

I dati del nuovo bollettino riportano un netto calo delle persone ricoverate. In terapia intensiva si trovano oggi 2.936 persone (il numero più basso dal 21 marzo scorso), 143 meno di ieri.  Sono ancora ricoverate con sintomi 26.893 persone, 750 meno di ieri: è il calo giornaliero più netto da inizio epidemia.

Nelle ultime ventiquattr’ore sono morte 525 persone (ieri le vittime erano state 578), arrivando a un totale di 22.170 decessi. I guariti raggiungono quota 40.164, per un aumento in 24 ore di 2.072 unità (ieri erano state dichiarate guarite 962 persone).

L’aumento dei malati (ovvero le persone attualmente positive) è stato pari a 1189 unità (ieri erano stati 1127) mentre i nuovi contagi rilevati nelle ultime 24 ore sono stati 3786 (ieri 2667). Questi due dati vanno però analizzati solo considerando il fatto che sono strettamente collegati al numero di tamponi fatti.

E oggi ne è stato fatto un numero record: 60.999 tamponi (ieri 43.715), il più alto dall’inizio dell’emergenza.

“Siamo in un trend discendente, con le curve dei contagiati, dei ricoverati e dei deceduti che hanno uno sfalsamento temporale e che trovano evidenza anche nei dati giornalieri”. Così il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro in conferenza stampa alla protezione civile. “Al momento c’è uno studio di sieroprevalenza per indagare quante persone sono venute a contatto col virus e capire qual è la circolazione. Ci sono stime variabili da regione a regione ma in generale il 90% delle persone in Italia non è venuto a contatto col virus. 

Questo vuol dire che una larghissima parte della popolazione è ancora suscettibile. Per avere l’immunità di gregge bisognerebbe avere circa l’80% di persone venute a contatto col virus, dunque il target è molto lontano. Quindi non c’è un golden standard”. Lo ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro. 

Abbiamo raggiunto un obiettivo importante che è quello di tenere ‘R’ sotto 1. Dobbiamo muoverci con grande cautela e declinare la necessità dell’attività fisica dei bambini in modo tale che il rischio sia comunque ridotto al minimo. Nella struttura familiare italiana i nonni hanno un ruolo importante e si rischia un cortocircuito che può diventare un boomerang. Dobbiamo stare molto attenti”.

 Lo ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, in merito all’ipotesi di allentare alcune misure sulla presenza dei bambini nei parchi.

I dati Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti).

Nella foto in alto è visibile quello dei soggetti attualmente positivi.

La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

Lombardia 63.094 (+941, +1.5%; ieri erano stati +827)
Emilia-Romagna 21.486 (+457, +2.2%; ieri erano stati +277)
Veneto 14.990 (+366, +2.5%; ieri erano stati +253)
Piemonte 19.108 (+879, +4.8%, ieri erano stati + 639)
Marche 5.582 (+79, +1.4%; ieri erano stati +96)
Liguria 6.039 (+103, +1.7%; ieri erano stati +114)
Campania 3887 (+80, +2.1%; ieri erano stati +76)
Toscana 7.943 (+277, +3.6%; ieri erano stati +173)
Sicilia 2.579 (+44, +1.7%; ieri erano stati +73)
Lazio 5380 (+148, +2.8%; ieri erano stati +163)
Friuli-Venezia Giulia 2616 (+72, +2.8%; ieri erano stati +81)
Abruzzo 2.346 (+72, +3.2%; ieri erano stati +72)
Puglia 3258 (+74, +2.3%; ieri erano stati +82)
Umbria 1329 (+7, +0.5%; ieri erano stati +9)
Bolzano 2267 (+43, +1.9%; ieri erano stati +68)
Calabria 1009 (+38, +1.9%; ieri erano stati +15)
Sardegna 1164 (+3, +0.3%; ieri erano stati +51)
Valle d’Aosta 971 (+13, +1.4%; ieri erano stati +18)
Trento 3294 (+74, +2.3%; ieri erano stati +106)
Molise 263 (0 nuovi casi, ieri erano stati +8)
Basilicata 336 (+16, +5%; ieri erano stati +6)

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.