Stampa Stampa
326

VERSO LE COMUNALI A S. VITO IONIO, IRROMPE “LIBERAMENTE”


L’obiettivo fondamentale è quello del recupero della politica come strumento di elevazione civile. L’auspicio dei fondatori è valorizzare la partecipazione, incrementare le procedure deliberative, migliorare i rapporti sociali senza preconcetti o riserve di alcun tipo

di REDAZIONE 

SAN VITO SULLO IONIO (CZ) –  27 GIUGNO 2020 – Elezioni comunali in vista a San Vito sullo Ionio: ieri è nato il Movimento Civico “LiberaMente”.

I fondatori sono un gruppo di persone, alcune residenti a San Vito Ionio, altre sparse in Italia e all’estero, tutte però accomunate dalla passione per il loro paese d’origine.

In vista delle prossime elezioni amministrative e con lo sguardo proiettato al dopo, il Movimento si propone di prendersi cura dei bisogni della comunità sanvitese dopo anni di incuria e di progressivo sfilacciamento politico, culturale, amministrativo. “LiberaMente” si offre a tutti con spirito cooperativo, mettendo in cima alle proprie attività la condivisione degli ideali costituzionali e delle buone pratiche finalizzate al bene comune.

L’obiettivo fondamentale è quello del recupero della politica come strumento di elevazione civile.

L’auspicio dei fondatori è valorizzare la partecipazione, incrementare le procedure deliberative, migliorare i rapporti sociali senza preconcetti o riserve di alcun tipo.

Nei prossimi giorni “LiberaMente” farà il suo debutto sui social media, porterà avanti azioni di sensibilizzazione pubblica inerenti alcune delle problematiche più urgenti del paese attraverso la predisposizione di strumenti di approfondimento e di informazione, si doterà di una segreteria avente il compito di facilitare l’adesione al Movimento e di stabilire una più rapida comunicazione con quanti vorranno avere notizie sulle attività in programmazione.

Nel manifesto che accompagna la costituzione si sottolinea che «“LiberaMente” nasce dal bisogno di “aprire” la Comunità sanvitese alla politica. Si tratta di un sentimento diffuso, che fatica a trovare una “forma” stabile in ragione del progressivo disperdersi di motivazioni aventi come fine il bene del paese.

Rimettere la politica al centro della vita pubblica, significa – a nostro avviso – imprimere un nuovo corso alla nostra comunità, rinverdire passioni e doveri, alimentare il senso di libertà contro la stagnazione e la conservazione. Siamo ben consapevoli dell’impegno.

Le persone che hanno deciso di lanciare questa iniziativa sentono forte il bisogno di stimolare la partecipazione, il dibattito e la deliberazione aperta. Si tratta di una sfida necessaria rispetto alle pratiche di divisione che da decenni hanno alimentato la vita politica nella nostra comunità.

Siamo coscienti dello stato di sofferenza (culturale, innanzitutto, ma anche sociale, economica e morale) in cui il paese langue da troppo tempo. Bisogna ripartire dal primato della politica, di fronte alle nuove emergenze che si assommano alle precedenti – alcune incancrenite a causa di assenza di visione politica oltre che di inadeguatezza progettuale e di governo amministrativo».  

«“LiberaMente” vuole essere – prima di ogni altra cosa – una chiamata verso quanti non intendono rassegnarsi allo status quo – si legge ancora -, un invito a condividere un’esperienza di rispetto verso la storia di San Vito e di responsabilità nei confronti delle nuove generazioni, verso tutti quelli che pensano che “restare” non debba per forza significare “accontentarsi” o, peggio, “rassegnarsi” al declino inesorabile, spesso erroneamente associato al “destino” dei piccoli borghi.

Noi crediamo che le cose possono cambiare a patto che si decida di unire le forze, rimettendo, appunto, al centro del discorso la politica, favorendo la sperimentazione, l’innovazione e rinvigorendo la solidarietà e il senso di appartenenza. Il tutto secondo lo schema di una logica inclusiva nel mezzo di un territorio fra i più belli della Calabria.

 LiberaMente è una rete di persone, prima che un organigramma; un progetto in divenire, anziché una ricetta preconfezionata; un luogo di confronto dove far confluire le migliori energie presenti sul territorio e non un recinto sorvegliato da una élite di “esperti”; un esercizio di democrazia finalizzato alla buona amministrazione». 

 «Su queste basi – e in questo momento storico – LiberaMente “pianta la propria tenda” mettendosi al servizio di tutti – sottolineano ancora -, senza preconcetti ideologici o culturali nè riserve politiche nei confronti di nessuno.

L’unico limite, netto, che però intende segnare è quello contro l’arroganza, l’intolleranza, la violenza verbale e fisica, l’illegalità in tutte le sue forme». 

 «L’avventura inizia. Auguri a LiberaMente. Auguri a San Vito sullo Ionio» concludono i componenti del Movimento.  

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.