Stampa Stampa
40

USURA NEL SOVERATESE, DISSEQUESTRATI BENI AGLI INDAGATI


Ad incidere sul provvedimento il parziale annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare personale

di REDAZIONE 

GUARDAVALLE (CZ) – 4 AGOSTO 2020 –  Un appartamento e due autovetture.

 E’ questo quanto il Giudice dell’indagine preliminare ha dissequestrato a Giuseppina Taverniti e Francesco Galati, indagati nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di Catanzaro con l’accusa di usura aggravata. 

Ad incidere sulla decisione del Gip è stata l’istanza di dissequestro avanzata dai legali degli indagati, gli avvocati Salvatore Staiano e Vincenzo Cicino, basata sul venir meno di presupposti per il mantenimento del sequestro.

Ed in particolare in virtù del parziale annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare personale.

Secondo il Gip deve procedersi al dissequestro anche perché “è intervenuta pronuncia che incide sulla valutazione della gravità indiziaria, che costituisce presupposto più pregnante e assorbente quello del fumus commissi delicti; in particolare, con riferimento a tale profilo, deve evidenziarsi che non sono stati apportati, nelle more, ulteriori contributi investigativi circa la configurabilità del delitto contestato, non potendo altrimenti essere valorizzati. gli elementi. già analizzati nella valutazione dei presupposti per la misura reale”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.