Stampa Stampa
14

UCCISE FERROVIERE NEL CATANZARESE, CONDANNATO 27ENNE


Episodio l’anno scorso al termine di una lite in strada a Botricello

di REDAZIONE 

CATANZARO –  26 MAGGIO 2018 – E’ stato condannato a cinque anni e quattro mesi di reclusione Angelo Viscomi, di 27 anni, residente a Belcastro, accusato di omicidio preterintenzionale.

La sentenza e’ stata pronunciata ieri, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato nel tribunale di Catanzaro. Alla pena si aggiunge il risarcimento del danno alla parte civile che sara’ quantificato in altra sede.

Al centro del procedimento, una lite avvenuta in strada il 21 luglio dello scorso anno, quando sulla statale 106, nel territorio di Botricello, Viscomi avrebbe colpito Salvatore Gidari, ferroviere di 56 anni, deceduto dopo ventitre’ giorni di coma. La sentenza e’ stata pronunciata dal giudice per l’udienza preliminare Carmela Tedesco, davanti al pubblico ministero Graziella Viscomi. Gli avvocati delle parti erano Aldo Casalinuovo per i familiari della vittima, Piero Funaro e Gregorio Viscomi per l’imputato.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Stazione di Botricello e della Compagnia di Sellia Marina, tutto sarebbe avvenuto durante una lite per una semplice precedenza, con conseguenze tragiche per il ferroviere, morto dopo ventitre’ giorni di coma.

L’uomo aveva battuto violentemente la testa dopo essere stato colpito da un calcio sferrato da Viscomi.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.