Stampa Stampa
75

“TUTTINSIEME PER SQUILLACE”: «VOGLIAMO UNA CITTÀ PIÙ BELLA»


Da sx: Mesoraca e Zofrea

Riceviamo e pubblichiamo manifesto di auguri e resoconto dell’attività svolta firmato dai consiglieri di opposizione Oldani Mesoraca e Vincenzo Zofrea

 SQUILLACE (CZ) –  27 DICEMBRE 2019 –  «Cari Concittadini di Squillace,

sentiamo il desiderio di rivolgere, in occasione delle prossime festività, a tutti Voi i più cordiali Auguri di Buon Natale e di un Felice anno nuovo.

 Il Natale infatti rappresenta un momento importante di riflessione, l’occasione per riscoprire i valori più autentici e significativi di contatti umani, di amicizia e fraternità. 

Un momento anche per fermarsi e guardare indietro su quanto abbiamo fatto e a ripensare alle nostre azioni nella speranza di un futuro migliore.

 I mesi trascorsi dall’insediamento del nuovo Consiglio comunale della nostra Città, dove sediamo tra i banchi dell’opposizione, ci hanno visti impegnati in un lavoro serio ed articolato per cercare di dare, seppure dalla nostra posizione, un valido contributo per la soluzione di qualche problema che interessa l’intera collettività.

 Lo abbiamo fatto, certi di interpretare il senso comune e gli interessi dei nostri concittadini.

 Ovviamente non è mancata, nei confronti del Sindaco e della sua Amministrazione, la nostra puntuale critica, la nostra ferma condanna rispetto a quello che ci è sembrato non rispondente ai bisogni della comunità.

 Già nella riunione d’insediamento del Consiglio comunale,  abbiamo denunciato il mancato rispetto della quota-rosa nella nomina della prima giunta ed abbiamo  definito quell’atto illegittimo perché era stata completamente ignorata la normativa sulla rappresentanza di genere.

 Abbiamo protestato per l’immobilità dell’amministrazione comunale rispetto al rischio che vengano soppressi, uno ad uno, tutti i servizi sanitari forniti dal locale poliambulatorio.

 Abbiamo  dato la nostra massima disponibilità per  un incontro con il commissario  dell’aterp regionale (azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica) e sanare, così, la grave situazione di pericolo che proviene dal muro di contenimento retrostante le case popolari di Viale Fuori le Porte.

 Abbiamo chiesto l’installazione di un passamano lungo una scalinata di una via che da Corso G. Pepe porta al castello per facilitare il percorso ai soggetti disabili e, allo stesso tempo, abbiamo invitato l’Amministrazione ad avviare concrete iniziative nel campo delle politiche sociali pensando ad un concreto piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

 Abbiamo espresso, andando sul posto e confrontandoci con i datori di lavoro, la più ampia solidarietà ai dipendenti licenziati dalla “carrefour” per l’improvvisa chiusura.

 Abbiamo più volte evidenziato le gravi carenze amministrative in tema di interventi per la manutenzione ordinaria fatta, il più delle volte, senza alcuna logica e controllo.

 Abbiamo scritto al Sindaco perché intervenisse sul fenomeno del randagismo, al fine di evitare possibili spiacevoli rischi in tema di incolumità delle persone, soprattutto dei bambini, e di salute pubblica, garantendo, ovviamente, allo stesso tempo, la protezione degli animali stessi.

 Abbiamo pubblicato una serie di fotografie su alcuni luoghi che andavano e andrebbero recuperati per dare una migliore immagine turistica a chi viene per la prima volta nella nostra cittadina.

 Abbiamo segnalato l’impossibilità, a volte, di poter dare degna sepoltura ai nostri cari per mancanza di adeguati loculi.

 Abbiamo domandato di fare un sopralluogo ai serbatoi ed alla sorgente che alimentano l’erogazione dell’acqua potabile ai cittadini.

 Abbiamo sottolineato l’inadeguatezza politica della maggioranza che, solo dopo sei mesi dall’insediamento, è riuscita ad eleggere il presidente del Consiglio comunale.

 Abbiamo denunciato la grave carenza di bonifica ambientale sia nel centro storico che sul lungomare.

 Abbiamo indicato l’insufficienza di una programmazione turistica nella precedente stagione estiva.

 Abbiamo registrato la continua assenza dell’Amministrazione nei dibattiti di interesse comunale, sia in città che in altri comuni viciniori.

 Abbiamo richiesto che venisse attivato il servizio dello scuolabus anche per i bambini di Squillace-centro.

 Abbiamo vibratamente protestato perché il consiglio comunale non venisse più convocato nella domenica e nei giorni festivi, nel rispetto della nostra migliore tradizione cattolica e dei valori legati all’unione famigliare. 

Abbiamo chiesto ed ottenuto l’intervento dell’Amministrazione provinciale per un immediato intervento, quanto meno di messa in sicurezza, del marciapiedi su cui poggia il muro di sostegno del campo sportivo.

 Abbiamo reclamato un intervento per la scuola media di Squillace lido e del centro.

 Ecco, questa, in sintesi, l’attività che abbiamo svolto, avendo come obiettivo solo l’interesse della collettività.

 Per diverse delle nostre richieste, aspettiamo ancora la risposta del Sindaco e dell’Amministrazione comunale.

 Alcune, invece, sono state fatte proprie, e la previsione di spesa è stata  inserita nell’ultima variazione del  bilancio preventivo 2019-2021 che è stata approvata  anche con il nostro voto favorevole.

 Lo abbiamo detto, scritto e ci piace ribadirlo.

 Noi siamo per un’opposizione ferma, decisa, critica ma disponibile ad una fattiva collaborazione per consentire, malgrado la nostra posizione, che la Città di Squillace torni ad essere così com’era, e come i meno giovani la ricordano: pacifica, accogliente, pulita, ordinata, insomma in una sola parola, bella». 

 I Consiglieri di opposizione del gruppo “TuttInsieme per Squillace” Oldani Mesoraca ed Enzo Zofrea

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.