- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

TRE NUOVI VULCANI SOTTOMARINI SCOPERTI A 15 KM DALLA CALABRIA TIRRENICA

Gettata nuova luce sull’esistenza di importanti complessi vulcanici sul fondale marino, a distanze dalla costa decisamente inferiori a quanto non si conoscesse in precedenza

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  15 SETTEMBRE 2019 – Scoperto un nuovo complesso vulcanico sottomarino nel Mar Mediterraneo, a 15 chilometri dalle coste tirreniche della Calabria: è composto da tre montagne principali, chiamate Diamante, Enotrio e Ovidio, di cui quest’ultimo formato a sua volta da cinque vulcani, di cui uno un po’ più grande del Vesuvio.

Pubblicato sulla rivista Earth & Space Science News, il risultato si deve ai ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).

Rispetto al complesso di 15 vulcani sottomarini scoperto sempre dall’Ingv insieme ad altri enti nel 2017 tra la costa sud di Salerno e quella calabra, “si tratta della stessa catena a livello geologico, ma di vulcani nuovi, con caratteristiche diverse.

E’ infatti più vicino alla costa, ha un’estensione maggiore e diversi vulcani hanno forme arrotondate”, spiega Riccardo De Ritis, primo autore dell’articolo. Ciò vuol dire che i vulcani “erano a livello del mare e sono stati erosi nel corso delle glaciazioni”.

E’ uno dei più grandi complessi vulcanici sottomarini italiani che si è sviluppato nel periodo compreso tra 780.000 e 20.000 anni fa e oggi non più attivo. “Il complesso vulcanico individuato nel Mar Tirreno – prosegue De Ritis – è stato suddiviso in due porzioni. Una parte occidentale, più distante dalla costa, i cui edifici vulcanici presentano un aspetto più accidentato e deformato da strutture tettoniche”.

La parte orientale, più vicina alla costa, ha invece edifici vulcanici arrotondati dalla sommità pianeggiante. “La nostra ricerca – conclude l’autore – getta nuova luce sull’esistenza di importanti complessi vulcanici sul fondale marino, a distanze dalla costa decisamente inferiori a quanto non si conoscesse in precedenza”.