Stampa Stampa
23

TRA GIOVANI E NUOVI SAPERI, A VALLEFIORITA UN POROGETTO SUI CAMBIAMENTI DEL LAVORO


 Iniziativa della locale Pro loco, in collaborazione con il Comune e l’associazione culturale “Focus on”

di REDAZIONE

VALLEFIORITA (CZ) –  20 OTTOBRE 2020 –  Nella sala consiliare di Vallefiorita nel rispetto dei parametri di sicurezza indicati per la pandemia in atto, si è tenuto un incontro sul tema del cambiamento del mondo del lavoro a seguito dello sviluppo delle tecnologie in questi ultimi decenni.

Erano presenti, oltre a cittadini del piccolo centro del catanzarese e ai rappresentanti di alcune associazioni, il presidente Regionale dell’Unione delle Pro Loco, Filippo Capellupo, il presidente della sezione provinciale di Catanzaro e della Pro Loco di Pentone, Franco Caccia, sociologo presso ASP di Catanzaro.

L’incontro è stato organizzato dalla Pro Loco di Vallefiorita, presidente Mario Cantaffa, con la collaborazione del Comune di Vallefiorita, sindaco Salvatore Megna e dell’Associazione culturale Focus on, presidente Luigi Antonio Macrì.

Il sindaco Salvatore Megna nel saluto introduttivo plaude all’iniziativa che ha prontamente accolto auspicando che si possa, costantemente, proporre alla cittadinanza ed al territorio occasioni di incontro e di riflessione come questa, in collaborazione con tutte le associazioni del territorio. La presenza dei cittadini, continua il Sindaco, significa che, nella necessaria sicurezza, vi è la volontà di credere nella cultura e di non arrendersi alle restrizioni che impone il Covid-19.

Relatore dell’incontro è stato il professore Macrì, già dirigente scolastico nelle scuole calabresi, che da diversi decenni segue lo sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione con particolare attenzione all’istruzione ed alla formazione. La comunicazione è stata un excursus, sebbene sintetico ed indicativo, dello sviluppo delle tecnologie e dell’impatto che le stesse stanno avendo ed avranno sul mondo del lavoro.

Sono state riportate delle riflessioni tratte da Future at Work evento che da anni, l’ultimo nello scorso giugno, viene presenta da I.C.D. International Data Corporation, azienda che offre, dal 1964, hanno della sua fondazione, servizi di consulenza ed eventi per i mercati dell’information Technologies, delle telecomunicazioni e della tecnologia di consumo a livello mondiale. In Future at Work si afferma che “si scatenerà una vera e propria rivoluzione aziendale nel momento in cui l’Intelligenza Artificiale “entrerà sempre più in profondità nei processi operativi e le prime generazioni digitali, i millennial,   inizieranno a rappresentare la quota maggiore della quota lavoro. 

Ovvero nell’arco dei prossimi due o tre anni.”. Si è citato, inoltre, Lazlo Andor, economista ungherese e dal 2010 al 2014 commissario europeo per l’occupazione, gli affari sociali e l’integrazione e l’Osservatorio europeo dei posti che in suo documento, già nel 2013, afferma che “la crescita di posti di lavoro si concentrerà in tre aree chiave: l’economia verde, i servizi sanitari, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. 

Secondo le nostre previsioni, il potenziale è enorme. Ma sarà fondamentale investire nell’istruzione e nella formazione.”.  

L’impegno che propone il professore Macrì nella sua relazione è proprio quello di “contribuire, con le professionalità presenti nell’Associazione Focus on, con le Scuole, i docenti e con tutti coloro che vorranno collaborare, ad individuare i nuovi saperi e le peculiarità di una Scuola che davvero sia in gradi di mettere al centro lo studente, con la sua creatività e personalità, e di indicare un percorso di studio attento ai cambiamenti in atto ed alle prospettive di lavoro.”.

 Su questo obiettivo, certamente ambizioso ma urgente e concreto, chiama a raccolta la “comunità educante”, le Scuole, i docenti e le famiglie, le reti di associazioni come le Pro Loco e, unitamente a tutti gli altri portatori di interessi, i decisori politici nei diversi livelli.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.