Stampa Stampa
177

TORRE DI RUGGIERO (CZ) – COMUNALI, PLATI’ E L’IDEA DI “AMMINISTRAZIONE SOCIALE”


Seconda tappa del viaggio tra i candidati alle elezioni comunali. Conosciamo Nicola Platì, capolista di “Primavera Torrese”

di Franco POLITO

TORRE DI RUGGIERO (CZ) – 31 MAGGIO 2016  – Scende in campo con un obiettivo prioritario: ricompattare il tessuto sociale disgregato.

Nicolino Platì, capolista di “Primavera Torrese” e consigliere comunale di minoranza uscente, se verrà fuori vittorioso alle elezioni comunali di domenica prossima, al centro della sua azione amministrativa metterà le persone. «Perché  – dice Platì, che nella vita fa l’insegnante  –  alla collettività non si antepone niente». E’ la convinzione di fondo che anima anche gli altri componenti lo schieramento.

La lista, espressione di tutte le aree geografiche del borgo sede del rinomato santuario dedicato alla Madonna delle Grazie, non disdegna una discreta presenza di “quote rosa”. In campo ci sono la 24enne Silvia Perruna, Marta Vittoria Squillace e Caterina Petrolo, due mamme che hanno deciso di “mettersi in gioco”. Poi i “rappresentanti” di contrada “Logge”, popolosa e fiorente zona agreste, che hanno i volti e  i nomi  di Nicola Tino, Domenico Aversa e Antonio Maiolo. Infine i candidati espressione del centro cittadino: si tratta di Nicola Sanzo, Nicola Faragò, Pietro Grenci e Daniele Nisticò.

«Il sociale – aggiunge Platì – è un settore delicatissimo dentro cui si misurano le possibilità della persona di essere il vero centro dell’agire della politica e dell’amministrazione. Ecco perché ci adopereremo per l’apertura immediata di un centro di aggregazione sociale e per il potenziamento della biblioteca comunale».

Nicolino Platì

Un progetto semplice, quello di Platì, fatto per la gente. Soprattutto quella più “indifesa”. «Una particolare attenzione – insiste – sarà dedicata ai più deboli (bambini, anziani e disabili) e verso chi si trova in una situazione di necessità, di bisogno per handicap, malattia, povertà  e disoccupazione ed emarginazione. Per loro cercheremo soluzione condivise in modo da individuare i fondi necessari per fare fronte alle problematiche sociali».

Socialità, persone e solidarietà sono la piattaforma delle idee di Platì e del suo gruppo. Attorno ad essi “ballano” altri punti del programma amministrativo. I candidati promettono impegno per la promozione  e valorizzazione del turismo religioso, consigli comunali aperti, l’incentivazione del volontariato, il sostegno alle attività sportive e ricreative e la promozione dei gemellaggi.

E poi ci sono le iniziative a sostegno delle attività produttive. Il sogno è una fiera campionaria dei prodotti tipici locali, per consentire alle aziende locali di fare “sistema”, che faccia nascere nuove realtà economiche, crescere quelle esistenti e creare opportunità di lavoro. In questo contesto avvieremo gradualmente sgravi fiscali e semplificazioni amministrative per le aziende del Comune».

Persone ed economia. Manca l’ultimo tassello. Si chiama istruzione e cultura. «L’idea – conclude Platì –  è quella di sostenere la direzione scolastica, il corpo docente e i genitori nelle proposte formative che vadano ad integrarsi con i percorsi scolastici».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.