- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

STALETTÌ SI “ACCENDE” PER IL FESTIVAL DEL LIBRO

Quattro giorni intensi e pieni di stimoli, che hanno trasformato un tranquillo paesino in una festa culturale dall’atmosfera magica e letteraria

di REDAZIONE

STALETTÌ (CZ) –  5 OTTOBRE 2019 –  Nell’incantevole e suggestiva località di Stalettì si è tenuto nei giorni scorsi un interessante incontro letterario dal titolo “Le ragioni della memoria” in cui hanno partecipato – e presentato i loro libri – alcuni autori calabresi.

Difatti si è svolto nei giorni scorsi la Prima Edizione del Festival itinerante del libro “Orizzonti Mediterranei”, nato dall’idea del suo direttore artistico Mario Astarita, il quale ha voluto portare alla biblioteca comunale di Stalettì, alcuni dei più rappresentativi autori locali che hanno avuto l’occasione di presentare alla cittadinanza le proprie opere.

Erano di fatto presenti gli autori: Mario Astarita, con il saggio La stagione della balena bianca. La DC e gli anni del centrismo italiano (1947-1963); Vanni Clodomiro, con il libro Dalla democrazia liberale alla marcia su Roma;  Felice Caristo e Nicodemo Oliverio, con il volume Rappresentanza politica e divieto di mandato imperativo: ieri, oggi e domani; ed Angelo Di Lieto, con l’opera Leonardo da Vinci nell’Ultima Cena e il mistero di Maria Maddalena. Miti e vicende nella Storia del cristianesimo.

I vari incontri culturali si sono tenuti alla presenza delle autorità locali, – il Sindaco ed il Vice Sindaco di Stalettì – rispettivamente Alfonso Mercurio e Rosario Mirarchi – e di un pubblico interessato ed entusiasta, se pur a dir il vero non molto numeroso, che ha ascoltato con debita attenzione gli interventi dei vari autori e posto interessanti quesiti agli stessi.

La manifestazione si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione culturale “Mediterraneo”, del Centro studi “Calabria – Europa”, della “Accademia del libro”, e della Casa editrice “Il Pensiero Edizioni”; quest’ultima ha inteso donare alla biblioteca comunale di Stalettì, ed all’intera cittadinanza, oltre una trentina di saggi delle opere presenti nel suo catalogo.

In definitiva sono stati quattro giorni intensi e pieni di stimoli, che hanno trasformato un tranquillo paesino in una festa culturale dall’atmosfera magica e letteraria, che grazie a questo festival ha arricchito di bellezza illuminante e culturale un piccolo borgo della nostra regione.