Stampa Stampa
483

STALETTI’ – Il “sorriso” di don Roberto Corapi al convegno romano dell’Opus Dei


Monsignor Anthony Muheria (a sx), vescovo del Kenia, con don Roberto Corapi

Monsignor Anthony Muheria (a sx), vescovo del Kenia, con don Roberto Corapi

Fonte: articolo e foto di Gianni Roma (Il Quotidiano della Calabria)

STALETTI’ – 19 APRILE 2014 – Si è concluso a Roma presso l’Università della Santa Croce la “ tre giorni” di studio sulla vita del primo successore di San Escrivà alla guida dell’Opus Dei, don Alvaro Del Portillo di cui quest’anno il centenario della nascita e il ventennale della morte.

Oltre trecento i partecipanti da tutto il mondo, tra cui il parroco di Stalettì don Roberto Corapi della Società Sacerdotale dell’Opus Dei, che ha rappresentato la nostra Calabria e in modo particolare la Diocesi di Catanzaro-Squillace.

Avendo conseguito il Dottorato il Sacra Teologia Pastorale, don Roberto Corapi ha partecipato da Teologo e da studioso, con un forte impegno per far conoscere l’Opus Dei.

Una serie di relatori hanno tracciato il profilo di una figura il cui esempio è ora offerto a tutta la Chiesa. Con un messaggio rivolto ai convegnisti Papa Francesco ha ricordato che Del Portillo fu un “sacerdote zelante che ha saputo coniugare una intensiva vita spirituale fondata sulla fedele adesione alla roccia che è Cristo”, invitando a “imitare la vita umile, allegra, nascosta e silenziosa, ma anche decisa nel testimoniare la perenne novità del Vangelo, annunciando l’universale chiamata alla santità”.

L’attuale prelato dell’Opus Dei, Mons. Echevarrìa, ha ricordato Del Portillo con il quale ha vissuto per oltre quarant’anni con molti aneddoti e sottolineando “il modo in cui portò a termine l’itinerario giuridico dell’Opera con la sua erezione come prelatura personale nel 1982”.

Il Cardinale Herranz si è invece soffermato su un aspetto poco noto ma di rilevanza storica di Del Portillo, il suo personale contributo al Concilio Ecumenico Vaticano II°. Fu infatti segretario della Commissione sulla vita e sul ministero dei sacerdoti nella Chiesa, commissione a cui fu affidato uno dei temi più complessi dal punto di vista Teologico- disciplinare.

Tra i tanti interventi che si sono susseguiti in tre giorni si possono segnalare quelli di Mons. Fernando Ocariz, vicario generale dell’Opus Dei, sull’eredità spirituale di Del Portillo; quello del Cardinale di Bologna, Carlo Caffarra, del Vescovo Anthony Muheria giunto apposta dal Kenya e tanti altri, con una tavola rotonda dal tema: l’amore di Mons. Del Portillo per la chiesa.

Soddisfatto don Roberto Corapi, per questi tre giorni che rimangono per lui scolpiti nel cuore, e arricchiscono di  conoscenze la sua vita e il suo bagaglio culturale. Attraverso questi esempi di santità, noi tutti ha affermato don Corapi dobbiamo diventare santi col proprio stato di vita, credendo e mettendo amore per ogni cosa, anche la più banale.

San Escrìva, diventa per ciascuno di noi modello e testimonianza viva dell’amore di Cristo per la chiesa e il suo successore Alvaro  è un esempio da imitare ogni giorno.

Ora ci aspetta di accompagnare Mons.Del Portillo a Madrid il prossimo 27 Settembre per la beatificazione e gioire perché un altro beato e poi santo pregherà per l’opera e per chi si rivolge a lui con cuore umile e sincero.

                                                                                                                          

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.