Stampa Stampa
261

STALETTI’ (CZ) – Tra gioia e preghiere si conclude la “peregrinatio” del Sacro Cuore di Gesù


Per la prima volta nella storia stalettese la sacra immagine di Cristo è stata ospite delle famiglie

di Fra. PO.

STALETTI’ (CZ) – 1 LUGLIO 2015 –  Si conclude nella Comunità di Stalettì, con una solenne celebrazione eucaristica all’aperto presso il piazzale di San Pio, la Peregrinatio del Sacro Cuore di Gesù nelle famiglie.

Un vero pellegrinaggio per diffondere la devozione al Cuore di Gesù, voluto fortemente dal parroco don Roberto Corapi, che sta cercando in tutti i modi di far passare il messaggio evangelico dappertutto.

 DON ROBERTO DUE

Una celebrazione eucaristica che ha visto la numerosa partecipazione di tante famiglie e anche quelle di Caminia e di Copanello, dove il Cuore di Gesù si è fermato anche in quelle zone turistiche per 4 giorni. Durante la santa messa animata dai giovani della parrocchia , don Roberto ha voluto rimarcare il “grazie” a Dio  e a tutte le famiglie che hanno ospitato il Cuore di Gesù.

«Sono molto contento  – ha affermato don Roberto – perché tutte le famiglie si sono trasformate in piccole chiese domestiche, dove tra canti e preghiere in tutti i rioni si è respirata l’aria di festa e di gioia.  In una comunità purtroppo divisa,da tante correnti, ho voluto fortemente questa Peregrinatio per tenere unite le nostre famiglie nella preghiera e nella devozione al Cuore di Gesù».

Don Roberto, ha invocato il dono della pace  e nel corso della sua omelia , ha voluto denunciare i tanti mali che colpiscono la nostra comunità, alla luce del Vangelo e del messaggio Cristiano. «Al primo posto – ha fatto notare il sacerdote – il male dell’egoismo , dell’attaccamento al denaro. Poi si è passato dalla cattiveria che c’è nel cuore dell’uomo che vuole distruggere tutto ciò che di bello c’è , all’individualismo che cresce sempre di più. Senza Dio non si va da nessuna parte. Con Dio e con la sua grazia si costruisce sempre. Oggi si vive male perché  vogliamo mettere Dio fuori dalla nostra vita».

Alla fine della celebrazione don Roberto ha fatto consacrare tutti i presenti  al Cuore di Gesù con una benedizione personale. Dopo ha consegnato a tutte le famiglie che hanno ospitato la sacra effige delle pergamene ricordo della Peregrinatio, la prima nella storia della Chiesa Stalettese.

Dopo la benedizione, tutti in processione  verso la parrocchia  tra canti e preghiere  nella gioia del rientro del Cuore di Gesù nella sua casa.

Sì, perché questa vuole essere la Pastorale di Don Roberto, in uscita per evangelizzare, in uscita, per incontrare l’uomo, in uscita per fare vedere il volto di una chiesa nuova, bella, gioiosa e viva, una chiesa che dobbiamo sempre amare e servire.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.