Stampa Stampa
24

STALETTI’ (CZ) – CONSIGLI COMUNALI IN ORARI LAVORO, OPPOSIZIONE SCRIVE A PREFETTO E MINISTRO INTERNO


Staletti', scorcio

Riceviamo e pubblichiamo lettere inviata a Prefettura e Ministero dai consiglieri di minoranza

STALETTI’ (CZ) – 15 FEBBRAIO 2017 –  «La minoranza compatta scrive al Prefetto e al Ministero degli Interni contro il sindaco Stanizzi.

Dopo l’ennesimo atto di arroganza consumatosi ai danni dell’intera cittadinanza Stalettese, noi sottofirmatari consiglieri comunali intendiamo portare all’attenzione di Sua Eccellenza il Prefetto di Catanzaro e al Ministro degli Interni, i comportamenti del Sindaco di Stalettì che, oltre a risultare violativi della normativa statutaria, comprimono gravemente il diritto della minoranza di espletare appieno il mandato ricevuto.

Ma andiamo ai fatti, Il Sindaco di Stalettì, nonostante le tante e reiterate richieste da parte dei gruppi di minoranza, alcune oggetto di delibere consigliari verbalizzate agli atti di questo comune e mai pervenute a S.E. nonostante l’invito fatto al segretario comunale Pasquale Pupo di portarle alla Vostra attenzione, la stesso Sindaco convoca le sedute consigliari in orari lavorativi ( ore 10,30-11,00 -11,30 ) in totale disprezzo del decreto lgs. n. 267-2000 art 38, modificato dall’art. 16 comma 19 decreto legge N° 138-2011 convertito nella legge n. 148/2011, il quale prescrive che «le sedute del consiglio… nei comuni con popolazione fino a 15000 abitanti si tengano in un arco temporale non coincidente con l’orario di lavoro dei partecipanti».

Tutta la minoranza, compatta, chiedeva, stante gli impegni lavorativi di tre consiglieri di minoranza su tre, il rinvio del consiglio e la fissazione dello stesso in orario pomeridiano dopo le 16,00. Tale ennesima richiesta non ha avuto alcun riscontro e l’ultimo consiglio è stato tenuto il 21.12 .2016, alle ore 12,00. Ma la tracotanza e l’arroganza politica del Sindaco di Stalettì si manifesta anche nelle convocazioni dei consigli comunali, i cui avvisi vengono consegnati ai componenti della minoranza il pomeriggio dell’ultimo giorno utile (quasi sempre il venerdì quando il consiglio è fissato mercoledì ed il mercoledì quando il consiglio è fissato per il lunedì) in maniera tale da ridurre il termine di cinque giorni a tre giorni, essendovi sempre il sabato e la domenica di mezzo.

Ciò crea notevoli difficoltà e disagi ai consiglieri di minoranza, in quanto, considerando i giorni di chiusura degli uffici, gli stessi hanno a disposizione pochissimo tempo per acquisire la documentazione (che non viene mai allegata alla convocazione, così come dovrebbe avvenire) e poter richiedere l’inserimento di ulteriori argomenti all’ordine del giorno e presentare emendamenti. I fascicoli dei documenti del consiglio vengono depositate in segreteria è risultano costantemente sprovvisti di tutta la documentazione oggetto del consiglio stesso .

Un altro aspetto da evidenziare in tutta la sua connotazione negativa è la mancata risposta del Sindaco alle interrogazioni della minoranza. In tali occasioni, difatti, il Sindaco non risponde ma si limita ad inoltrare note dei dirigenti amministrativi i quali, naturalmente, non possono riferire in ordine agli aspetti relativi agli indirizzi politici Inoltre riteniamo questo comportamento del sindaco lesivo anche e soprattutto nei confronti di tutti i cittadini di Stalettì in quanto lo stesso vuole limitare la partecipazione stessa alle sedute consigliari.

Tanto premesso, ritenendo non più tollerabili comportamenti così lesivi delle prerogative dei consiglieri di minoranza, si richiede l’autorevole intervento di Sua Eccellenza Prefetto di Catanzaro al fine di censurare gli stessi ed assumere ogni consequenziale determinazione».

I consiglieri di Minoranza Alfonso MERCURIO, Gregorio AVERSA e Marco DESTITO

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.