Stampa Stampa
517

SQUILLACE, IL SINDACO “STOPPA” LE OPPOSIZIONI


Avrebbe negato sopralluogo a serbatoi e sorgente acqua potabile

 di Franco POLITO

 SQUILLACE (CZ) –  13 AGOSTO 2019 –  Quanto meno stupiti.

 Ma non per questo senza “veemenza” nel sottolineare che il sindaco avrebbe detto “no” alla (loro) richiesta di effettuare un sopralluogo, ai serbatoi ed alla sorgente che alimentano l’erogazione dell’acqua potabile ai cittadini squillacesi.

 «Il primo rifiuto  –  sottolineano i consiglieri di opposizione Oldani Mesoraca e Vincenzo Zofrea della lista “Tuttinsieme per Squillace” ed Anna Maria Mungo e Luca Occhionorelli della lista “Squillace in Movimento” – è venuto dal comando dei vigili. In una missiva  ha scritto che non “dispone di chiavi per l’accesso ai beni comunali (acquedotti)”».

 Poi il secondo “niet”. «In data 12 agosto scorso – aggiungono -, lo ha fatto il sindaco il quale, rispondendo ad un’altra ulteriore richiesta, citando la normativa del Tuel che, nello specifico fatto, direbbe  qualcuno, “nulla c’azzecca”, ci ha impedito di svolgere il di controllo e vigilanza sull’attività dell’amministrazione comunale».

 A questo punto nei quattro la domanda è sorta spontanea. L’interrogativo è del tipo: «perché questa caparbietà nell’impedire un normale sopralluogo che, a nulla dovrebbe portare, se le cose sono in regola?»

 La risposta c’è e va in una sola direzione. «Considerato – concludono Mesoraca, Zofrea, Mungo e Occhinorelli –  che l’intera vicenda ci appare quanto mai strana e misteriosa, riteniamo di esporre quanto è avvenuto anche al Signor Prefetto, poiché  è  in discussione l’igiene pubblica e la salvaguardia della salute di un’intera popolazioni».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.