Stampa Stampa
125

SQUILLACE (CZ) – LIDO INCENDIATO, IL PROPRIETARIO: «MIE FIGLIE HANNO LE FIAMME NEL CUORE»


“Ripartire sarà difficile, ma la voglia e l’impegno ci sono”. Imprenditore incontrato dal prefetto di Catanzaro Luisa Latella assieme all’amministrazione comunale e ai sindacati commercianti e turismo

Articolo e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

SQUILLACE (CZ) –  8 MAGGIO 2017 –  Un atto intimidatorio cattivo, sprezzante e indifferente del sudore e dei sacrifici di imprenditori ha completamente distrutto il lido “Ulisse”situato sul lungomare “Odisseo” a Squillace lido.

Questo segue dopo pochi giorni, un altro incendio doloso che aveva distrutto il noto ristorante “la cena di Afrodite”in viale stazione. Il Prefetto di Catanzaro, Luisa Latella incontra nel palazzo della prefettura, Francesco Paonessa (il penultimo a destra nella foto),  titolare del lido “Ulisse” dato alle fiamme in questi giorni, presenti l’amministrazione comunale di Squillace con il presidente del consiglio Paolo Mercurio e il consigliere Franco Scicchitano,Giorgio Ventura presidente nazionale Cicas e Massimiliano Arcuri della Cicas turismo.

Un grave atto intimidatorio compiuto ai danni di un imprenditore dedito al lavoro,ha messo in ginocchio una realtà imprenditoriale importante,aperta da anni e che dava tanti posti di lavoro,ma mani ignote al momento,avevano deciso diversamente,lo stabilimento balneare “Ulisse”, completamente distrutto dalla furia devastatrice di un incendio,il Prefetto Latella si è dimostrata molto disponibile a sentire le parti e ha promesso il suo interessamento in ambito  istituzionale per la sicurezza.

Ma ha detto anche agli amministratori comunali che, è di fondamentale importanza dotare il territorio di un sistema di telesorveglianza,con il posizionamento di telecamere nei punti di criticità,il prefetto inoltre ha detto che presto si terrà  un tavolo istituzionale a cui prenderanno parte a vario titolo, la regione Calabria e i responsabili degli stabilimenti balneari.

Questo in ambito della sicurezza di questi siti spesso attaccati da appetiti criminali. Il presidente della Cicas,Giorgio Ventura ha detto di non abbandonare questi imprenditori che, giorno dopo giorno sono chiamati ad un ruolo difficile come il settore turismo l’unica vera industria calabrese e come tale va protetta e tutelata,ma da i presenti un plauso alle forze dell’ordine che stanno lavorando bene,ma si parla ancora di telecamere con un progetto della giunta Agazio  Loiero mai realizzato.

L’imprenditore Francesco Paonessa non vuole essere lasciato solo dalle istituzioni,è pronto a ripartire se pur con le dovute difficoltà,la prima prevede la bonifica dei luoghi,ma sarebbe bello che di questo si occupasse l’amministrazione comunale di Squillace sia pur con endemici problemi di bilancio,ma sarebbe un segnale ,forte e giusto,”le mie figlie la notte non riescono a dormire, diceva  Francesco Paonessa al prefetto Latella, hanno le fiamme e il fumo in fondo al cuore, un momento triste e drammatico che resterà per sempre nella loro mente.”

“Non chiedo nulla, ribadiva Paonessa, se non le vicinanza di istituzioni e sindacati del commercio, ripartire sarà difficile diceva, ma la voglia e l’impegno ci sono, come sempre concludeva Francesco Paonessa, questo nel pieno rispetto, della mia famiglia, dei nostri affezionati clienti e del nostro personale che appartiene alla famiglia, tutti uniti per un percorso condiviso.”

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.