Stampa Stampa
7

SQUILLACE (CZ) – Emergenza rifiuti, il sindaco ricorre all’ordinanza


La pira nel momento in cui ha ripreso ad ardere
Un cassonetto recentemente dato alle fiamme a Squillace

La grave situazione ha indotto il primo cittadino a dettare regole per i vari tipi di spazzatura

Articolo e foto di Salvatore TAVERNITI (Gazzetta del Sud, 27 dicembre 2014)

SQUILLACE (CZ) – 28 DICEMBRE 2014 – Per tamponare l’emergenza rifiuti sul territorio di Squillace, almeno in questo periodo festivo, si è resa necessaria un’ordinanza del sindaco.

«Al fine di eliminare la situazione di emergenza igienico-sanitaria e nei limiti previsti dalla legge – scrive il primo cittadino Pasquale Muccari – viene autorizzata la ditta affidataria del servizio della raccolta dei rifiuti indifferenziati all’utilizzo di mezzi idonei e cassoni scarrabili a tenuta stagna per la raccolta e il conferimento dei rifiuti indifferenziati. Lo stoccaggio dovrà avvenire con l’adozione di accorgimenti tecnici che evitino ogni inquinamento dell’area e dovrà essere provvisorio, temporaneo e limitato dalla situazione di eccezionalità verificatasi».

La grave situazione relativa alla gestione delle discariche, che ha prodotto anche nel comune di Squillace disagi vari, ha indotto il sindaco ad attivarsi, mettendo in pratica forme diverse di gestione dei rifiuti: in attesa di essere conferiti in discarica, i rifiuti saranno, dunque, tolti dai cassonetti e stoccati temporaneamente in appositi cassoni, al fine di salvaguardare gli interessi connessi all’ambiente, all’igiene e alla sanità pubblica.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.