Stampa Stampa
32

SQUILLACE (CZ) – ALLA RICERCA DEI “SEGRETI ESOTERICI” DI DANTE E PETRARCA


Incontro culturale organizzato dalla Domus Pacis per cogliere l’aspetto nascosto e iniziatico di alcuni testi letterari

Articolo e foto di Salvatore TAVERNITI 

SQUILLACE (CZ) – 7 FEBRAIO 2017 –  “Letteratura ed esoterismo: il lato segreto di scritti divenuti classici” è stato il tema di un incontro culturale organizzato a Squillace dall’associazione “Domus Pacis”.

Dopo l’introduzione della vicepresidente del sodalizio, Maria Rosa Commodaro, la relazione è stata tenuta da Paolo Cristofaro, autore e conduttore radiofonico. Da studente di lettere, Cristofaro ha intrapreso un viaggio, avendo già alle spalle anni di passione per le tematiche storiche, letterarie ed esoteriche, a caccia di indizi per cogliere l’aspetto nascosto e iniziatico di alcuni testi letterari, anche molto noti.

«Raccontare il mondo della letteratura e le sue sfumature in una città come Squillace – ha sottolineato – significa aver voglia di lottare per un vero e proprio rinascimento culturale e comunitario del territorio e per tenere vivo un luogo di dibattito e di riflessione divenuto ormai storico e prezioso per la cittadinanza». 

Cristofaro si è soffermato su scritti divenuti classici intramontabili e su autori che rappresentano pietre miliari del sapere umano. «Tra le pagine di libri straordinari, frutto delle riflessioni di uomini colti – ha evidenziato – sono ancora innumerevoli le zone d’ombra, ricche d’inesplorate interpretazioni, che si riferiscono ad una sapienza iniziatica e ad un sapere profondo e ben custodito. Autori come Dante, Apuleio, Plutarco, Marsilio Ficino, Pico della Mirandola, Giordano Bruno, Petrarca, lasciano chiaramente trasparire, tra le righe dei loro lavori – nonostante le epoche differenti e lontane – chiari riferimenti a conoscenze iniziatiche, a simbologie esoteriche, a culti riservati a pochi.

Dal prudente resoconto sul culto di Iside di Apuleio (iniziato agli antichi misteri e processato per magia) agli indizi disseminati da Bruno che si riferiscono alla filosofia ermetica, alla cabala ed alle dottrine neoplatoniche; dal viaggio iniziatico di Dante (accompagnato da non casuali numerologie e collegamenti col mondo orientale) alle traduzioni di testi esoterici portate a termine dal Ficino per conto di Cosimo de’ Medici.

Un quadro eterogeneo, caratterizzato da un complesso labirinto di personaggi, filosofie ed interpretazioni che ci invitano a guardare oltre e a contemplare la possibilità di un ulteriore sbocco interpretativo per le grandi opere della produzione letteraria europea e mondiale, per imparare a cercare – come scrisse Dante – “sotto ‘l velame de li versi strani”».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.