Stampa Stampa
245

SPECIALE ELEZIONI COMUNALI – CENTRACHE (CZ) – FERNANDO SINOPOLI, ESPERIENZA ED ENTUSIASMO PER CENTRARE IL BIS


Sindaco uscente, capolista di “Futuro per Centrache”, si affida a una coalizione che guarda al futuro facendo leva sul bagaglio del precedente quinquennio

 Articolo e foto di Franco POLITO

 CENTRACHE (CZ) – 31 MAGGIO 2017 – Punta tutto a dare continuità facendo leva sul bagaglio costruito nei cinque anni di amministrazione che volgono al termine.

 Fernando Sinopoli, sindaco uscente, ripropone la sua candidatura a primo cittadino alle elezioni comunali del prossimo 11 giugno. Lo fa con una lista che già nel nome,  “Futuro per Centrache”, la dice lunga su un programma elettorale che guarda al futuro e allo sviluppo del ridente centro delle Preserre Catanzaresi.

 Suoi compagni di avventura e candidati alla carica di consigliere sono  Nicola Teti, Maria Grazia Casalinuovo, Francesco Daniele, Saverio Marascio, Rocco Onofrio Ranieri, Vito Ranieri e Rosetta Rigillo.  «Il programma elettorale della lista “Futuro per Centrache” . sottolinea Sinopoli –   prosegue nella consapevolezza che il futuro del nostro paese dipende dalla capacità di perseguire, attraverso il bene comune, il benessere di ogni singolo cittadino. Il nostro Gruppo, forte dell’esperienza degli anni passati, arricchito dalla presenza delle “quote rosa”, attraverso l’impegno amministrativo che si accinge ad assumere con senso civico, maturità e abnegazione si propone la cura e lo sviluppo della propria comunità».

 «Questa proposta programmatica  – aggiunge –  trova la sua essenza in tre concetti chiave, perno di un’azione amministrativa capace di rispondere ai mutamenti sociali, ambientali ed economici di una società in continuo divenire, alle richieste di protagonismo dei Cittadini che vogliono avere voce non solo nel momento dell’espressione del voto ma durante l’intero mandato elettorale: responsabilità, partecipazione e dialogo. Partecipare e decidere insieme … perché condividere rafforza e produce risultati migliori, realizzando una effettiva esperienza di democrazia».

 «Consapevoli  – sottolinea ancora Sinopoli –  di dover operare in una congiuntura economica sfavorevole, stretti nella morsa delle ampie limitazioni imposte dal contenimento della spesa pubblica e dal concorso alla realizzazione degli obiettivi di finanza definiti dalla legislazione nazionale ed europea, per la realizzazione del programma che sottoponiamo all’attenzione degli elettori, in continuità con l’indirizzo politico dell’amministrazione uscente, le risorse finanziarie saranno intercettate prevalentemente all’interno del Por – Fers 2014/2020, cercando di cogliere tutte le opportunità offerte dalla Programmazione Regionale».

 «La nostra  – conclude – vuole essere un’azione amministrativa efficace, mirata, come durante il precedente quinquennio, a bandire gli sprechi e ad orientare le risorse verso obiettivi concreti, con interventi in diversi settori»

 Interventi, appunto. Come nel settore delle Opere pubbliche nelle zone centrali di vico Sant’Onofrio, da Piazza Sant’Onofrio a località Colomattio, via Papasodaro innesto via Indipendenza fino a Piazza Roma. O come quelli in materia di Politiche energetiche con l’idea dell’efficientamento energetico adottando soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi della rete d’illuminazione pubblica, rimpiazzando gli attuali corpi illuminanti, composti da lampade 100w SAP, con quelli a led e sostituendo i pali elettrici collocati nel nuovo centro abitato e su via Indipendenza, vetusti e fonte di pericolo per la collettività.

 Non mancano le politiche sociali e di promozione della salute. In questa direzione si colloca anche il progetto di conversione dell’attuale Centro Diurno Per Anziani in Poliambulatorio Comprensoriale, proponendo una convenzione al Dipartimento Sanità della Regione Calabria. E poi la Cultura, lo sport e le attività ricreative. Per esse Sinpooli e i “suoi” pensano a valorizzare Palazzo Molea, che potrebbe essere riqualificato come centro ricreativo, culturale e di formazione, con la creazione di una Biblioteca comunale e l’attivazione di postazioni informatiche e punti di accesso ad internet per avviare corsi di formazione per acquisire competenze in ambito informatico e tecnologico.

 Per ultimo la Forestazione “agganciata”  alla valorizzazione delle aree boschive di proprietà comunale attraverso la messa a dimora di alberi come: castagno, quercia e ontano per arricchire il patrimonio ambientale.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.