Stampa Stampa
18

SOVERATO, PROTOCOLLO D’INTESA TRA DISTRETTO SOCIOSANITARIO E COMUNI DELL’AREA


Tiziana Parrello: “Una grande opportunità per tutti i soggetti coinvolti”

 di REDAZIONE

SOVERATO (CZ) –  27 MARZO 2019 –  Protocollo d’intesa interistituzionale tra il Distretto Sociosanitario di Soverato e i sindaci dei ventotto comuni dell’ambito territoriale, rispettivamente rappresentati dalla dottoressa Tiziana Parrello, direttrice facente funzioni, e dal primo cittadino di Soverato, Ernesto Alecci, quale ente capofila. 

Il documento, sottoscritto congiuntamente presso la sede del Palazzo di Città, era già stato oggetto di un approfondito confronto nel corso dell’ultima Conferenza dei sindaci. 

Definisce una serie di aree tematiche, tra cui disabilità e non autosufficienza, e prevede per ogni singola area l’utilizzo di strumenti di coordinamento e di integrazione, nonché la costituzione di organismi tecnici in grado di supportare i comuni e l’Azienda Sanitaria nel garantire una più efficace risposta alle necessità di cura e di inclusione provenienti dal territorio. 

La stipula, giunta al termine di una serie di incontri mirati ad analizzare i bisogni del territorio e la tipologia degli interventi erogati, è una tappa fondamentale nel percorso d’integrazione avviato dalla dottoressa Tiziana Parrello e dai suoi collaboratori allo scopo di sviluppare un’azione condivisa tra Azienda Sanitaria e comuni.

“La scelta dell’integrazione – ha precisato la direttrice – rappresenta una grande opportunità per tutti i soggetti coinvolti. Non solo, quindi, comuni ed Azienda Sanitaria ma anche enti no-profit, famiglie, cittadini. 

Grazie a una migliore integrazione tra enti e comunità locale sarà, infatti, possibile una programmazione unitaria capace di dare vita ad un moderno sistema di welfare territoriale, in cui ogni bisogno del cittadino potrà essere riconosciuto e accolto con tempestività ed efficacia, perseguendo, inoltre, un miglior uso delle risorse umane e materiali disponibili contro i rischi di diluizione, duplicazione e dispersione delle stesse”. 

La dottoressa Parrello ha altresì sottolineato che “il merito del Protocollo, primo nell’ambito territoriale, va ascritto all’impegno di tutti i suoi collaboratori, nonché ai rappresentanti dei ventotto comuni, i quali hanno prontamente compreso l’importanza che lo strumento riveste per la promozione della salute e per la riduzione delle disuguaglianze di salute nei loro territori”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.