Stampa Stampa
28

SOVERATO (CZ) – RIMBORSI NEGATI A DISABILE, HA PAGATO “DI TASCA” IL MONTASCALE


Diciottomila euro e il Comune non invia per tempo  alla Regione la necessaria documentazione

Articolo di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

SOVERATO (CZ) – 10 APRILE 2016 –  Una situazione al limite e insostenibile,quella che sta vivendo una donna disabile residente a Soverato, disabile al 100%,costretta suo malgrado a vivere sulla sedia a rotelle da anni per una malattia terribile,sclerosi multipla a placche,una malattia invalidante che mina il corpo piano piano rendendo impossibile i movimenti.

La donna che abita in una palazzina del centro al terzo piano è stata costretta visti i sessanta gradini che la separano dalla società civile,a fare ricorso ad una costosa montascale,avviato nel lontano 2008 l’iter burocratico con il comune  per ottenere il necessario permesso, acquisito il nulla osta inizia i lavori ed era stato necessario per l’invalida donna accendere un mutuo con una banca cittadina, 18 mila euro l’importo che la donna pagava per intero alla ditta Ungaro Montascale,inizia da allora una serie di documentazioni necessarie per ottenere vista la legge regionale n.13 il relativo rimborso,visto che la donna non può certo lavorare.

Inizia un calvario tra la sua abitazione e il comune lei che è costretta a  muoversi con una carrozzella a motore,si recava spesso al comune di Soverato,nelle amministrazioni che si sono succedute in questi lunghi anni,la donna non è un famoso politico ne un affermato imprenditore,ma solo una donna invalida,tutto viene documentato ,la domanda con protocollo al n.12777 del 5/6/2009 con allegato la relativa fattura pagata e la cartella clinica della donna, ore, giorni, mesi, anni di attesa fino al 2013, dopo cinque anni la donna riesce a parlare telefonicamente con la regione Calabria e il funzionario addetto molto disponibile diceva alla donna” la domanda è ferma da anni,perché il comune di Soverato ha inviato solo parte dei documenti,la domanda non è stata presa in considerazione”.

La donna costernata tornava al comune, non è lei che ha sbagliato, non è lei che ha impostato la pratica, non è lei che deve  verificare la mancanza di documenti, ma è lei , e solo lei che ha cacciato di tasca 18mila euro, perché deve pagare colpe non sue? Il 25 marzo del 2013 con  nuovo protocollo si imposta un’altra pratica,ora con protocollo n. 4328,la regione nuovamente interpellata dice che al momento soldi non ce ne sono,uno scarica barile tra comune e regione  Calabria e che ad oggi non ha prodotto risultati, ed ancora, nell’alluvione che colpì Soverato nel 2011  le due carrozzelle elettriche della disabile,parcheggiate nell’androne del palazzo al piano terreno, divennero inservibili,e alla domanda  della donna di risarcimento danni al comune, lo stesso ente disse all’epoca dei fatti, che non aveva fondi, la donna fu costretta a sborsare quattromila euro per riparare il suo mezzo di locomozione.

Allora ben vengano notti bianche, rosse o blu, ma la cosa importante è il rispetto e la priorità  per le persone, in modo speciale quando questa è disabile e senza sostentamento.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.