Stampa Stampa
1217

SOVERATO (CZ) – IL SOGNO AMERICANO DI ORLANDO “IL GUERRIERO”


E’ in America il giovane affetto da una grave malattia. Incontrerà il luminare Kato Tomoaki per operarsi grazie alla raccolta fondi che ha coinvolto tutti

Articolo e foto di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

SOVERATO (CZ) –  12 APRILE 2018 – Vola Orlando vola.

E’ arrivato in  America, Orlando Fratto “il guerriero”, il giovane di Soverato affetto da un grave tumore, una forma particolarmente aggressiva di sarcoma. Tutte le analisi e le relative cure si sono dimostrate in tutta la sua crudeltà,

il sarcoma era un inquilino subdolo, cattivo e particolarmente aggressivo, questo grazie anche alla giovane età di Orlando, le sue cellule  sono come impazzite e il sarcoma cresce alla velocità della luce. All’ospedale di Milano, dove Orlando si  recava spesso per monitorare la sua situazione clinica era stati chiari,”noi non possiamo operare, troppo esteso il tumore”.

Una diagnosi che avrebbe piegato le gambe a tutti, a tutti ma non a lui, del resto Orlando è il guerriero, questa forza, questo attaccamento alla vita hanno fatto si che si creasse non solo a Soverato, la città perla dello jonio, ma in tutta la penisola e anche fuori dai confini nazionali, una raccolta fondi importante. Cene sociali, spettacoli teatrali e musicali, tornei sportivi, salvadanai e molto altro associazioni e privati cittadini,  raccolta fondi  che ha interessato tutti.

 E la macchina della solidarietà per Orlando ha messo il turbo, mettendo la freccia di sorpasso per combattere la malattia, perché  per essere operato Orlando è dovuto volare  sino in America dove ad attenderlo al Presbyterian Hospital di New York lo attende il primo consulto con un luminare, il dottor Kato Tomoaki. Lo specialista giapponese, noto pioniere nel campo del trapianto di organi multipli, incontrerà il ragazzo per valutare la miglior strategia da seguire.

Il costo dell’operazione supera i  300mila euro e diverse raccolte fondi sono state avviate per sostenere la battaglia di Orlando e della sua famiglia. La notizia è stata comunicata sui social dove vengono pubblicati tutti gli aggiornamenti: «Comunque vada – si legge nei post – è stato bellissimo e continuerà ad esserlo, è stato un piacerone.”

Anche la Regione  Calabria, con l’assessorato alla sanità ha  dato il suo contributo alle costose spese di questa operazione salvavita. Assieme ad Orlando e alla sua bella famiglia sull’aereo ha preso posto anche il direttore del pronto soccorso dell’ospedale di Soverato, Cosimo Zurzolo.

Ma Orlando non è certo solo, sull’aereo hanno trovato posto idealmente tutte le persone che gli sono state vicine, e che  hanno contribuito ognuno per la propria competenza, al raggiungimento di un sogno.

Forza Orlando ti stiamo aspettando, vinci la tua battaglia.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.