Stampa Stampa
52

SOVERATO (CZ) – “ERASMUS PLUS” MON AMOUR, “MALAFARINA” PRIMO NELLE DISCIPLINE SPORTIVE


Studenti soveratesi riportano un’esaltante vittoria ad Atene dove sono rimasti una settimana per il progetto “Forensics and Creative Theatre – Fact”

 di Franco POLITO

 SOVERATO (CZ) –  Là sono nate le Olimpiadi. Non quelle dell’era moderna, ovvio. Ma il primo concetto e idea di gioco li ha partoriti l’antica Grecia. E in Grecia sono volati, rimanendovi dal 2 novembre fino a ieri, gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Malafarina”. Ad Atene si sono distinti per bravura e capacità.

I “soveratans”, infatti, hanno ottenuto un’esaltante vittoria nella competizione internazionale delle discipline sportive prevista dal Quinto meeting del Progetto Erasmus Plus nell’ambito dell’azione KA2, Strategic Partnerships for School Education.

 Questa volta la rinomata internazionalità extra scolastica dell’istituto ha“preso di mira” lo sport in tutti i suoi aspetti. Lo ha fatto con “Forensics and Creative Theatre – Fact”, progetto approvato dalla Commissione Europea e co-finanziato dalla Unione Europea. La delegazione italiana, guidata dai docenti accompagnatori Savina Moniaci (supporto linguistico, selezione e preparazione degli allievi), Raffaele Vincenzo Micelotta(supporto tecnico e logistico) e Andrea Natali (supervisione organizzativa e gestione finanziaria),si è confrontata con quattro scuole. Ad Atene c’erano i bulgari del  Gimnazia za chujdiezitsiEkzarhYossif I- Lovech; gli slovacchi del Slovakia- Gymnazium, Alejova 1, Kosice- Košice; i turchi del Turkey- FatihAnadoluLisesi – Manisae gli spagnoli dello Spain- IES Los Cabezuelos -Arcos de la Frontera.

Listener

 L’esibizioni degli allievi è stato davvero un bel vedere. Davide Romano,  – “Ancient Traditional Games” il titolo –  attraverso  una rappresentazione in PowerPoint, ha introdotto diversi giochi tipici tradizionali, illustrandone, fasi, modalità e caratteristiche socio-culturali.  Ha, inoltre avuto il ruolo di anchorman per le esibizioni pratiche degli altri studenti. Alessandro Gidari – “Muay Thai” – ha documentato il proprio topic approfondendo anche l’aspetto personale e sociale che l’ha portato a prediligere tale arte marziale. Nel corso dell’esibizione l’allievo ha indossato il tradizionaleMongkon.  Marco Gidari – Karate –  ha partecipato alla competizione permettendo agli spettatori di cogliere l’essenza della sua arte sportiva. Ha, inoltre, illustrato la possibilità di scoprire aspetti specifici legati al linguaggio tecnico, fornendo un preciso e dettagliato background della disciplina in oggetto, alternando spiegazioni ad esibizioni pratiche. Davide Paone – TaeKwon do – ha dimostrato di avere competenze tecniche specifiche evidenziando come l’arte del tae-kwon-do gli abbia permesso di sviluppare capacità personali ed una maggiore fiducia in se stesso.

Dopo un Kata, un Teul ed uno Shadow training nelle rispettive arti marziali, ciascun allievo si è confrontato con gli altri in combattimenti di cross discipline per un totale di diciotto attacchi per concludere con simulazioni di krav Maga. La giuria internazionale ha apprezzato la competenza tecnica e la capacità degli allievi nel porre ciascuna disciplina proposta a confronto con altri linguaggi del corpo, conferendo per l’ennesima volta dopo il successo nell’arte culinaria in Spagna e nell’arte dell’Oratoria in Slovacchia un riconoscimento speciale al Malafarina di Soverato. Gli allievi sono stati preparati dal Maestro Vito Gidari dello “Zeus Sporting Club” di Soverato che, per l’occasione, ha anche fornito parte dell’equipaggiamento sportivo.

Listener (2)

Nel corso della settimana la delegazione italiana ha avuto, altresì, modo di immergersi nella splendida atmosfera ellenica visitando i Giardini Nazionali,la Cattedrale di Mitropoli, il Tempio di Zeus, l’Arco di Adriano, l’Aeropago, l’Acropoli con il Partenone,l’Eritteo ed il Tempio di Atena Nike. E poi l‘Odeon di Erode Attico ed il Teatro di Dionisio, la Stoa di Attalo, l’antica Agorà, il Tempio di Efesto, la Biblioteca Nazionale, l’Università di Atene, l’Accademia Nazionale di Filosofia e delle Scienze, Il Museo Nazionale Archeologico ed il Nuovo Museo dell’Acropoli, la Lanterna di Diogene, Lo Zappeion ed i quartieri antichi della Plaka e di Monastiraki, il colle di Licabetto e lo stadio Panathinaikon.

Il team Malafarina ha colto l’opportunità di assistere al Cambio della Guardia davanti al Parlamento e di degustare le specialità tipiche come i dolmádes, i pitákia, la souvlákia, i pita gyros, le soutzoukákia, la Gemistà, la moussakà, i kourkoubinia e la versione greca del baklavás. La referente italiana della mobilità, la docdente Savina Moniaci è stata, inoltre, impegnata in workshops sulla valutazione delle attività svolte e nell’organizzazione delle prossime mobilità.

Il dirigente scolastico del “Malafarina”, professor Domenico Agazio Servello, si è detto “davvero molto soddisfatto per l’ennesima affermazione internazionale della scuola in quanto il riconoscimento risponde agli obiettivi principali dell’istituto  quali lo sviluppo delle competenze trasversali al fine di promuovere la leadership in materia di istruzione secondaria e la cooperazione transnazionale”.

 Il “Malafarina” è l’unico istituto nella regione ad avere ricevuto il finanziamento quale partner per un nuovo progetto “Erasmus +”  la cui prima mobilità si terrà a fine novembre in Turchia.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.