Stampa Stampa
72

SGOMBERO VILLETTE A CAMINIA, MERCURIO: «ITER AVVIATO DA ANNI»


Il sindaco di Stalettì: “Era stato emesso parere negativo al condono già nel 1991”

di Salvatore CONDITO

STALETTÌ (CZ) –  10 APRILE 2021 –  Le attività inerenti  le ordinanze di sequestro   emesse dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, lo scorso diciassette dicembre .proseguono con l’invito ai proprietari di sgombero dei mobili presenti all’interno delle abitazioni.

Giovedì mattina   a  Caminia sono state avviate tali operazioni alla presenza di  Carabinieri-Guardia Costiera Polizia giudiziaria ,con il coordinamento della Procuraun operazione congiunta .

Un attività  che prevede il distacco dei servizi tra cui acqua ed energia elettrica, per cui questa mattina erano preseti tecnici dell’Enel che hanno avviato tale operazione.

Le villette, realizzate a pochi metri dal mare, sarebbero state costruite nei decenni, abusivamente, su terreno demaniale marittimo.

Tali costruzioni sono state realizzate da parte di privati cittadini che, secondo l’accusa,  non avrebbero mai posseduto alcun titolo concessorio, né tantomeno autorizzazioni edilizie. Peraltro, nel Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico Regionale era emerso che l’area è caratterizzata da livelli di rischi e pericoli connessi all’erosione costiera, frana e alluvione/inondazione.

Accertata la natura demaniale del terreno interessato, in ultimo ribadita da una sentenza del 2016 della Corte di Cassazione legata al contenzioso che aveva interessato alcuni indagati, si era proceduto al sequestro degli edifici e ora, tre mesi dopo circa, allo sgombero che in queste ore viene materialmente eseguito. Tutte le attività preliminari sono state effettuate da Guardia Costiera, Carabinieri del nucleo di Pg della Procura e Carabinieri della Compagnia di Soverato.

Per capire il percorso dell’operazione abbiamo contatto il Sindaco Alfonso Mercurio per porgli qualche domanda

In cosa soni consistite le operazioni di giovedì mattina?

«Si sta procedendo allo  sgombero degli oggetti presenti nelle abitazioni da parte dei privati, a seguito dell’Ordinanza di demolizione emessa dalla Procura della Repubblica di Catanzaro,  un proseguimento della procedura avviata con tale provvedimento».

Nei prossimi giorni cosa avverrà

«Si procederà al distacco dei servizi  in queste ore i tecnici Enel hanno gia avviato tale procedura, mentre per l’acqua si procederà nei prossimi giorni non appena avremo la notifica da parte della magistratura».

Per quanto riguarda le demolizioni  esiste già una procedura?

«Abbiamo inviato una richiesta alla Regione Calabria dipartimento Ambiente in quanto il Comune non ha nel bilancio fondi per tale adempimento, per cui sarà la stessa regione che avvierà tutta la procedura in sinergia anche con la Prefettura di Catanzaro».

C’è da sottolineare per come ci ha riferito lo stesso primo cittadino Alfonso Mercurio, che questo iter era gia avviato da diversi anni,  in quanto era stato già dato un parere negativo alla richiesta di Condono edilizio già dal 1991.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.