Stampa Stampa
9

SERIE A, OK A QUARANTENA SOFT


Dal Governo arriva la conferma definitiva per portare a termine il campionato, ma c’è la frenata sulle partite in chiaro

Fonte: TUTTOSPORT.COM

PRESERRE (CZ) –  19 GIUGNO 2020 –  La Serie A assapora la vigilia del ritorno in campo, e incassa l’ok definitivo del Governo alla nuova quarantena soft che rende più verosimile portare a termine il campionato.

L’allentamento della norma sull’isolamento, senza cui anche un solo caso di positività avrebbe complicato il piano di chiudere il 2 agosto, con una norma amministrativa era stata anticipata all’ANSA dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora.

Nella serata di ieri è arrivata la circolare del ministero della Salute: “Un altro passo avanti; ringrazio il ministro Speranza, ora servirà responsabilità, anche da parte dei tifosi, per non vanificare gli sforzi”, il commento del presidente federale Gabriele Gravina, col pensiero alla polemica per i festeggiamenti di Napoli.

Quarantena soft: ecco le direttive

La quarantena soft prevede, in caso di un positivo, l’isolamento anche dei contatti stretti con continuità di allenamento e un test rapido (con risposta entro 4 ore) a tutta la squadra nel giorno della partita, per consentire ai negativi di scendere in campo. I costi sono a carico dei club, a gara finita tutti di nuovo ad allenarsi in isolamento.

Non c’è invece ancora e si profila complessa l’intesa per trasmettere qualche partita in chiaro, come richiesto dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. In questo caso, la situazione è decisamente più incerta.

Il ministro ieri sera aveva prospettato un “ottimo accordo” vicino, parlando prima della finale di coppa Italia, festeggiata nelle strade di Napoli con assembramenti ben più rischiosi di quelli che si vorrebbe evitare nei bar proponendo qualche partita anche per i non abbonati alle pay tv.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.