Stampa Stampa
24

SCUOLE, SPIRLÌ: «LA REGIONE CALABRIA SI OPPORRÀ ALLA DECISIONE DEL TAR»


Il presidente annuncia l’opposizione al decreto del Tribunale amministrativo: «Poche famiglie non possono condizionare tutta la Calabria»

di REDAZIONE 

CATANZARO –  8 GENNAIO 2021 – «Ci opporremo alla sentenza del Tar di oggi che lascia i giovani delle superiori a casa fino al 31 gennaio ma al tempo stesso dice che i bambini di medie ed elementari devono rientrare a scuola da lunedì».Lo afferma il presidente facente funzioni della Giunta, Nino Spirlì, in merito al decreto del Tar regionale che ha sospeso l’ordinanza n.1 della Regione.

«Da lunedì – dice ancora Spirlì – la Calabria non sarà in zona gialla, ma in quella arancione: sarà chiusa e nessun adulto potrà uscire se non per andare dal medico o a lavorare. I bambini e gli adolescenti, invece, potranno farlo. Loro non corrono rischi, evidentemente in pericolo ci sono solo i ragazzi dalla prima superiore in poi e tutte le altre persone fino ai 99-100 anni».

«Non si può andare avanti in questo modo, è una follia. Poche decine di genitori non possono decidere per un’intera regione e per centinaia di migliaia di famiglie. Faremo tutto il possibile rimanendo nella legalità e utilizzando tutti gli strumenti democratici per rispondere a questa pronuncia.

I legali dell’Avvocatura – spiega il presidente – stanno già lavorando per opporsi a questa decisione e mi auguro che ne possa arrivare un’altra in tempi altrettanto rapidi, considerato che, da lunedì, la Calabria sarà in zona arancione».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.