Stampa Stampa
179

RIVIVE IL CALCIO A SQUILLACE, NASCE L’ASD SKYLLETION


Neo scuola calcio presentata in conferenza stampa. Destinata a bambini e bambine, ragazzi e ragazze dai 5 ai 16 anni, coniuga sport e crescita sociale

di Franco POLITO

SQUILLACE (CZ) –  14 SETTEMBRE 2020 – Cera una volta il calcio a Squillace.

Eroica e straordinaria quell’epopea tra la fine degli anni ‘70 e metà degli ‘80 con i  biancoblu della Prima Categoria a far sognare gli spalti del “Palmisani” e  un’intera comunità.

Cera una volta il calcio a Squillace. E c’è ancora grazie all’Asd Skylletion.

Il neo sodalizio, che insegnerà tecnica e tattica a infanti e pulzelle, è stato presentato ufficialmente ieri sera nella sala conferenze del seminario vescovile.

«Un progetto ambizioso» l’ha definito il presidente Alessandro Mauro. Niente politica, ma solo il legame tra buoni amici (di ogni estrazione ideologica) che hanno a cuore la crescita sociale della comunità attraverso il recupero del glorioso passato calcistico squillacese.

Calcio sì, dunque, ma non solo.

Il secondo vettore su cui viaggerà l’Asd Skyelltion è l’obiettivo «contribuire alla crescita di bambini, bambine, ragazzi e ragazze  – ha aggiunto Mauro – e farli diventare uomini attraverso lo sport, inteso come strumento in grado di ricreare le perdute relazioni sociali».

Messaggio chiaro a cui si accompagna la dimensione “storica” dell’iniziativa. La mission societaria passa anche attraverso il ricordo.

«Vogliamo – ha annunciato Mauro – che i nostri allievi conoscano il fiorente passato calcistico locale.

Abbiamo in mente di organizzare, probabilmente ogni estate, un “Memoria Day”, dedicato ai personaggi, viventi o che non ci sono più, che si sono spesi per lo sport cittadino.

Ecco perché invitiamo chi è in possesso di foto, articoli di giornale, video delle partite o altri “reperti storici”, a fornirli per creare una sorta di album – archivio a disposizione dei nostri piccoli allievi».

Come ha fatto intendere Mauro servirà il contributo di tutti: cittadini e istituzioni sono chiamati a farsi avanti.

Un impulso a 360 gradi lo ha fornito don Enzo Iezzi. In seno al sodalizio sarà padre spirituale e legale rappresentante della parrocchia della basilica Santa Maria Assunta nella quale, in chiave omnicomprensiva, è “compresa” anche quella della frazione marina.

«Non potevo dire “no” a un’iniziativa che è fondamentalmente un “servizio” alla comunità ed i cui protagonisti saranno i più piccoli e le famiglie» ha fatto notare.

Sua la concessione di uno dei locali dell’associazione “Domus Pacis” prescelto come sede sociale.

Sua l’azione diplomatica con l’arcidiocesi di Catanzaro – Squillace per ottenere la gestione del campo sportivo di viale Fuori le Porte. Anche il “Palmisani”, di proprietà ecclesiastica,  rivivrà di vita nuova.

Prosciugato il “mare d’erba” che aveva preso il posto del terreno di gioco, è attesa a giorni la firma della convenzione. C’è da limare solo il dettaglio della durata: 15 o 20 anni a seconda del numero delle adesioni.

Terminata la fase delle iscrizioni, la palla passerà agli allenatori.  Si occuperanno di bambini e bambine, ragazzi e ragazze dai 5 ai 16 anni.

A Gerardo Bertolotti, Agazio Montirosso, Saverio Settembrino e Vincenzo Signorelli  il compito di insegnare  tecnica e tattica alle categorie “Primi Calci”, “Piccoli Amici”, “Pulcini”, “Esordienti”, “Giovanissimi” e “Allievi”.

Si comincerà da loro. Se le cose andranno bene, formeranno l’intelaiatura di una futura prima squadra. «I bambini saranno al centro del progetto – ha ripetuto Settembrino con accanto gli altri mister – perché sono loro il futuro della città». 

Nell’attesa, li aspettano i tornei provinciali e regionali.

L’Asd Skylletion ha intenzione di farsi trovare pronta. Ecco perché sono anche al lavoro anche il vicepresidente Francesco Lioi, il segretario Davide Samà, il tesoriere Gregorio Lioi  oltre ai consiglieri Gianluca Gallo e Saverio Megna.

Dalla lontana Svizzera non  mancherà il supporto del presidente onorario Giuseppe Vallone. Originario di Squillace, in passato ottimo calciatore, in videochiamata ha espresso soddisfazione «per un’iniziativa destinata a riportare in auge lo sport rilanciandone i valori aggregativi e pedagogici».

Il “gioco di squadra” prevede anche il contributo dei soci Alessandro Megna, Antonio Pitari e Vincenzo Zofrea. 

Non manca la pagina Facebook. Il profilo è curato da Federica Megna.

C’era una volta il calcio a Squillace. E c’è ancora grazie all’Asd Skylletion.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.