Stampa Stampa
53

RIFLESSIONE DELLA DOMENICA: DALLA PAROLA ALLA VITA


La domenica della Misericordia. Le prime parole del Risorto: “pace a voi “

 A cura di don Roberto CORAPI (Arciprete ad Amaroni)

AMARONI (CZ)   –  24 APRILE 2022 –  Carissimi, in questa domenica seconda di Pasqua, con Gesù risorto, io vi dico: pace a voi.

 Abbiamo bisogno di pace, pace nei nostri cuori, nelle nostre famiglie, in Ucraina e nel mondo intero.

 Il Risorto reca l’autentica pace, perché mediante il suo sacrificio sulla croce, ha realizzato la riconciliazione tra Dio e l’umanità e ha vinto il peccato e la morte.

 Questa  è la pace, i suoi discepoli per primi avevano bisogno di questa pace, perché dopo la cattura e la condanna a morte del maestro, erano piombati nello smarrimento ,nella paura e Gesù si presenta vivo in mezzo a loro e in mezzo a noi mostrando le sue piaghe.

 Gesù ha voluto così conservare le sue piaghe, nel corpo glorioso.

 Toccare le piaghe di Gesù è il toccare oggi i tanti problemi, difficoltà, persecuzioni malattie di tanta gente che soffre.

 Otto  giorni dopo la Pasqua, i discepoli erano di nuovo in casa. La nostra chiesa è la casa dove i  discepoli di Gesù si riuniscono ogni otto giorni.

 Ogni domenica è il giorno del Signore, il ricordo della Pasqua, quando noi siamo radunati insieme, viene Gesù e sta nel mezzo.

 È il centro della nostra vita e della nostra comunità ed ogni volta che partecipiamo alla messa riconosciamo che Gesù e qui in mezzo a noi  e ogni volta che incontriamo lui siamo colmi di gioia. La sua presenza ci rende persone contente.

 Carissimi la domenica è soprattutto il primo giorno della settimana è l’origine la fonte di tutto, perché dall’incontro con il Signore  nella messa, riceviamo la forza per poter vivere bene i giorni feriali che ci stanno davanti.

 Non mi resta che augurarvi una buona domenica con la pace del Signore  Gesù risorto il Vivente. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.