Stampa Stampa
31

REGIONALI, QUATTRO CANDIDATI PRESIDENTE. QUINDICI LISTE


In lizza ci sono Jole Santelli, Pippo Callipo, Francesco Aiello e Carlo Tansi

di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) –  29 DICEMBRE 2019 – Quattro candidati alla carica di presidente della Regione e 15 liste di candidati al Consiglio regionale.

Alla scadenza del termine per la presentazione di liste e candidati, sabato a mezzogiorno, sono questi i numeri delle elezioni regionali in Calabria in programma il prossimo 26 gennaio.

I quattro candidati alla carica di presidente della Regione sono la parlamentare e coordinatrice regionale di Forza Italia, Jole Santelli, per il centrodestra, l’imprenditore Pippo Callipo per il centrosinistra, il docente dell’Università della Calabria, Francesco Aiello, per il M5s, e il geologo Carlo Tansi, già capo della Protezione civile regionale.

A sostegno della Santelli ci sono sei liste: Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Udc, Jole Santelli presidente e Casa delle Libertà. Callipo avrà l’appoggio di quattro liste: “Io resto in Calabria”, Pd, Democratici Progressisti e “10 idee per la Calabria” (quest’ultima, però, è a rischio esclusione).

Due le liste che affiancheranno Aiello: il Movimento 5 stelle e “Calabria Civica-Liberi di Cambiare”.

Infine, per Tansi in lizza scenderanno in campo tre liste: “Tesoro Calabria”, “Calabria Libera e “Calabria Pulita”, queste ultime due, però. in corsa solo nella circoscrizione elettorale nord.

Prende il via ufficialmente, quindi, una campagna elettorale che passerà alla storia della politica calabrese, probabilmente, più per le rinunce dei candidati alla presidenza (4) che per le candidature (4).

 Il primo a rinunciare, il giorno dopo l’operazione contro la ‘ndrangheta con oltre 300 arresti ed il coinvolgimento anche di esponenti del mondo della politica, è stato il vice presidente nazionale del Codacons, Francesco Di Lieto. “La Calabria avrebbe bisogno di un commissario – ha commentato – con la politica di sempre le cose non cambieranno mai”.

A lui ha fatto seguito l’ex presidente di Confindustria Reggio Calabria, Giuseppe Nucera, che ha deciso di appoggiare la candidata del centrodestra Jole Santelli.

Dopo un lungo braccio di ferro con il suo partito di appartenenza, il Pd, alla fine ha deciso di abbandonare la corsa anche il governatore uscente Mario Oliverio. Il passo indietro di Oliverio, e il sostegno alla candidatura di Callipo, è arrivato con una lettera al segretario nazionale democratico, Nicola Zingaretti. “Ho sempre lavorato per unire, mai per dividere. La Storia renderà giustizia al mio lavoro per la Calabria”.

La quarta ed ultima rinuncia, quella di Mario Occhiuto, è arrivata venerdì scorso, proprio nei giorni della presentazione delle liste.

Il sindaco di Cosenza, che nelle scorse settimane aveva presentato la sua candidatura alla presidenza della Regione, in quota Forza Italia, in diversi centri calabresi, e che aveva deciso di andare avanti anche dopo il no della Lega, ha accolto l’appello del giorno prima del leader azzurro, Silvio Berlusconi.

In una lettera indirizzata a Mario Occhiuto e al fratello Roberto, vice capogruppo FI alla Camera dei deputati, l’ex premier aveva auspicato il ritiro della candidatura e un impegno diretto a “costruire insieme il cambiamento in Calabria”.

Ora, comunque, le candidature sono state presentate e si parte alla conquista dei consensi.

Non mancano, però, le polemiche per alcune esclusioni (nel centrosinistra Callipo ha chiesto, ed ottenuto, diversi passi indietro) per la mancata candidatura di alcuni esponenti politici che già da settimane avevano messo in moto la macchina elettorale, e per alcuni cambi di casacca.

Ma dalle candidature si passa ai programmi e, soprattutto, all’analisi dei problemi. E di problemi, da affrontare e cercare di risolvere, la Calabria ne ha davvero tanti.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.