Stampa Stampa
8

PSR, COLDIRETTI ATTACCA LA REGIONE


È rottura, riparte la mobilitazione

 di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  30 GIUGNO 2018 –  Non è sicuramente un messaggio “in bottiglia” e quindi affidato al destino quello che Coldiretti rivolge alla Regione Calabria ma è preciso, dettagliato e documentato.

 Sin dall’inizio del confronto con la Giunta Oliverio ed il Dipartimento Agricoltura (Febbraio 2015)  per la definizione ed avvio del PSR 2014-2020 – sostiene Coldiretti – sono stati individuati e condivisi e non poteva essere altrimenti,  gli obiettivi strategici: a) insediare in agricoltura oltre 2000 giovani; b) accrescere la remunerazione dei prodotti agricoli Made in Calabria mediante i “contratti di filiera”; c) sostenere l’accesso al credito per gli investimenti; d) velocizzare le erogazioni delle risorse ai beneficiari; e) semplificazione e sburocratizzazione dei bandi.  

 Di questi obiettivi dopo circa tre anni e mezzo  – denuncia Coldiretti – non c’e’ traccia nell’agenda politica dell’Assessorato Agricoltura. Buio pesto sarebbe il caso di dire.  “Le assicurazioni del Presidente Oliverio  – è il commento di Molinaro presidente regionale dell’organizzazione – contenute nell’illustrazione al “Cantiere Calabria” le possiamo annoverare certamente tra le incompiute.  

 Un ritardo assurdo,  inspiegabile  e insopportabile se solo si pensa  – prosegue – che a due anni dal bando e a circa  sette  mesi dall’uscita della graduatoria (7 dicembre 2017), ancora sono bloccati ben 1500 giovani che sostanzialmente “brancolano nel buio”.

 Ed ancora come se non bastasse: un contenzioso con oltre 1000 esclusi per futili motivazioni e circa 500 giovani imprenditori ammessi e non finanziati e tantissimi ricorsi al TAR.   Insomma  – accentua – una gestione politica e burocratica che non ha precedenti nella Regione Calabria che sta spezzando la speranza di tanti giovani e compromettendo una traiettoria di futuro per la Calabria.  

 Un atteggiamento Istituzionale inverosimile  – rimarca Molinaro – e in netta contraddizione con le esigenze sociali ed economiche della Calabria.  Al danno poi si aggiunge la beffa: tantissimi giovani che hanno aperto la partita IVA in agricoltura rischiano di perdere una seconda “chance” contenuta nell’Onnibus della Commissione Europea, che eè bene ricordare, rende ammissibile ripresentare le domande se non sono decorsi 24 mesi dalla data di avvio del processo di insediamento ovvero dalla data di apertura della partita IVA quale condizione di ammissibilità indicata nel bando del 2016.

  Un percorso senza fine, estenuante che denota  assoluta mancanza di determinazione e chiarezza e di qualsiasi certezza riguardo le procedure adottate per le istruttorie dei riesami. Continuare a far finta che al Dipartimento Regionale Agricoltura tutto va bene non è solo un atteggiamento irresponsabile ma anche inaccettabile perché fortemente penalizzante per gli agricoltori calabresi.  Coldiretti – rafforza Molinaro – non rinuncia agli obiettivi strategici programmati nel PSR, l’unica fonte di finanziamento per l’agricoltura.

 Restiamo sempre disponibili alla collaborazione con le Istituzioni che hanno la responsabilità di governare ma – è il monito –  non possiamo fare sconti a nessuno.  Ecco perché ad oltre un anno dalla manifestazione alla Cittadella Regionale  – annuncia – riparte la mobilitazione di Coldiretti sui territori e nei confronti del Governo Regionale.

 Al Presidente Oliverio  – conclude – diciamo chiaramente non solo che la Regione così continua a non andare ma che l’attuale situazione sta producendo danni gravi e irreparabili.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.