Stampa Stampa
10

PSR CALABRIA, MOLINARO: «1200 GIOVANI OSTAGGI DEL DIPARTIMENTO AGRICOLTURA»


Pietro Molinaro

Il consigliere regionale della Lega: “Continuano a mancare velocità di decisione e procedure efficaci che aggravano la situazione”

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  1 MARZO 2021 –  “Dopo oltre due anni è mezzo,  ci sono oltre 1200 Giovani agricoltori in attesa di una risposta. Di questi,  più di un terzo, che avevano fatto la prima domanda con il Bando del 2016, sono in attesa da circa cinque anni.  

Questo quanto evidenzia con toni preoccupati, il Consigliere Regionale della Lega Pietro Molinaro che, soffermandosi sulla tempistica, spiega come stanno le cose.  Il 31 luglio 2018 con il Decreto del Direttore Generale del Dipartimento Agricoltura, dott. Giacomo Giovinazzo, veniva pubblicato il Bando “Pacchetto Giovani”. 

Un impegno di risorse PSR di 58milioni di € finalizzati a sostenere i nuovi insediamenti dei nostri Giovani Agricoltori. Un bando, predisposto dagli uffici regionali, anche per sanare una fitta serie di ricorsi  relativi al bando annualità 2016; certamente uno dei più complicati e contestati nella storia del Dipartimento Agricoltura del Regionalismo calabrese.  

Questa fotografia – aggiunge l‘esponente politico- è la cartina di tornasole che dovrebbe imporre alla Giunta Regionale di disinnescare una burocrazia, che palesemente si è dimostrata inadeguata, indolente e immobile.  

Una Regione Agricola come la Calabria,  con la disoccupazione giovanile di circa il 50% – accentua – non può consentirsi questi ritardi e queste inefficienze che tengono congelati 58milioni di € nelle casse della Regione. 

I giovani agricoltori,  hanno redatto progetti innovativi e di sviluppo sostenibile con una forte ricaduta occupazionale diretta ed indiretta. E’ evidente, – commenta Molinaro -che continuano a mancare velocità di decisione e procedure efficaci che aggravano la situazione per tanti giovani e per le loro famiglie, che ancora tenacemente vogliono realizzare gli investimenti e non andare via dalla Calabria.

Una situazione del genere – sottolinea -impone innanzitutto di pubblicare la graduatoria e finanziare tutti i giovani che risulteranno ammessi. Siccome – aggiunge – non possiamo permetterci continui ritardi e inefficienze che disilludono in questo caso i giovani  e che si ripercuotono oltre che sul tessuto economico,  anche sulle loro aspettative e speranze, mi auguro che la Giunta Regionale individui i responsabili di questo stato di cose e li rimuova, ove necessario revochi e rimoduli la “retribuzione di risultato” che sembra essere un’auto-elargizione di emolumenti con attività neanche ordinarie. 

Le leggi per farlo – chiosa –  ci sono, dobbiamo pur farle funzionare.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.