Stampa Stampa
92

PROGETTO “TIME TO CARE”, DOMANI LA PRESENTAZIONE AD AMARONI


Conferenza stampa alle ore 17:30 nella sala consiliare

di Franco POLITO

AMARONI (CZ) –  6 NOVEMBRE 2021 – “Time To Care”.

Si chiama così il progetto che verrà presentato domani pomeriggio in conferenza stampa nella sala consiliare di Amaroni

All’incontro con i giornalisti ci saranno il sindaco di Amaroni, Luigi Ruggiero; Michelangelo Nasso, presidente del Centro Ricreativo Sociale Amaronese; Giuseppe Apostoliti, Presidente Arci Calabria; Rosario Bressi, presidente Arci Catanzaro.

E ancora: Tonino Raimondo, segretario del Centro Ricreativo Sociale Amaronese; Arturo Bova, già presidente della Commissione Regionale contro la ‘Ndrangheta; don Roberto Corapi, arciprete di Amaroni.

«Contiamo – sottolineano gli organizzatori – sulla presenza del persone medico e paramedico operante, o che ha operato sul nostro territorio, oltre che delle associazione presenti in Amaroni».

L’appuntamento è alle ore 17:00  per un’iniziativa del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la cui realizzazione è coinvolto anche il Forum Terzo Settore.

Il Bando “Time to care” è rivolto ai giovani tra i diciotto e i trentacinque anni che vogliono impegnarsi, per un periodo di sei mesi, in attività di supporto e assistenza agli anziani, nell’ambito di azioni progettuali proposte dagli enti del Terzo settore sul territorio nazionale.

Il Bando ha la finalità di promuovere azioni di sistema sui territori che, attraverso il lavoro delle reti associative (di cui all’articolo 41 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 e successive modifiche – Codice del Terzo settore), favoriscano lo scambio intergenerazionale con le seguenti attività: assistenza a domicilio e/o a distanza dei giovani nei confronti degli anziani (che rappresentano una risorsa culturale per il territorio e la categoria più fragile e considerata più esposta al contagio del coronavirus COVID-19).

E ancora: attività di “welfare leggero” (quali disbrigo di piccole faccende per persone anziane o bisognose: consegna di spesa, acquisto farmaci, contatti con i medici di base, pagamento bollette, consegne a domicilio di diversi beni, libri, giornali, pasti preparati o altri beni di necessità, ecc.); assistenza da remoto, anche mediante contatti telefonici dedicati all’ascolto e al conforto di chi è solo, o servizi informativi per gli anziani, anche on line.

Il Bando ha l’obiettivo di individuare circa 1.200 giovani da utilizzare in attività di supporto e assistenza agli anziani. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.