Stampa Stampa
102

PRIMO PIANO – AMARONI (CZ) – C’è chi muore di fame e c’è chi getta il pane


Il pane gettato nel fosso

Il pane gettato nel fosso

Un noto apicoltore della zona ha rinvenuto, gettati in un fosso adiacente alla Provinciale, ingenti quantitativi di pane e panini ancora commestibili e regolarmente imbustati

Fonte: articolo e foto di Salvatore Taverniti (Gazzetta del Sud, 16 settembre 2014)

AMARONI (CZ)  – 16 SETTEMBRE 2014 –  In momenti di crisi economica mondiale, la notizia di quantitativi di pane gettato via costituisce uno sfregio al buonsenso e uno schiaffo alla povertà.

Un pensionato, Giuseppe Olivadoti, di 66 anni, di Amaroni, noto apicoltore della zona, ha rinvenuto un discreto quantitativo di pane abbandonato nel fossato che costeggia la strada provinciale tra Amaroni e Girifalco, in località “Manicheria”.

L’uomo stava facendo una passeggiata a piedi e dal ciglio della strada ha visto il pane. Si trattava di 73 panini, 5 pani e 2 baguette, regolarmente imbustati e non ancora scaduti. Più consistente il quantitativo di pane rinvenuto alcuni giorni dopo nello stesso posto: 96 panini e 6 filoncini, sempre ben imbustati e perfettamente commestibili.

L’apicoltore ha recuperato tutto il pane per utilizzarlo almeno come mangime per i suoi animali. Pare che sui vari pezzi di pane trovati ci fosse l’etichetta dell’azienda produttrice. Non si conoscono i motivi per cui è stato deciso di gettare via del pane ancora commestibile, ma il rinvenimento ha sconcertato lo stesso Olivadoti, che, dando la notizia a “Gazzetta del Sud”, ha parlato di «autentica vergogna e di scempio che offende la dignità umana», trattandosi di uno spreco veramente inconcepibile.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.