Stampa Stampa
19

PRESERRE – FAIDA VIBONESE, CHIESTI 30 ANNI CARCERE


Per fatti  sangue commessi a Stefanaconi nel dicembre 2011 e nel febbraio 2012

di REDAZIONE 

VIBO VALENTIA – 28 MARZO 2017 –  ll pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Camillo Falvo, ha chiesto al giudice dell’udienza preliminare distrettuale cinque condanne all’ergastolo ed una condanna a 30 anni di reclusione per gli imputati del tentato omicidio e poi dell’omicidio di Giuseppe Matina, alias “Gringia”, fatti di sangue commessi a Stefanaconi, centro confinante con Vibo Valentia, nel dicembre 2011 e nel febbraio 2012 nell’ambito della faida che ha insanguinato il Vibonese.

La condanna all’ergastolo e’ stata chiesta per: Giuseppina Iacopetta, vedova del boss di Stefanaconi, Fortunato Patania; Giuseppe Patania; Nazzareno Patania; Saverio Patania; Salvatore Patania, tutti figli di Fortunato Patania e Giuseppina Iacopetta. Per Nicola Figliuzzi di Sant’Angelo di Gerocarne, la richiesta di pena formulata dal pm ammonta invece a 30 anni.

Altri omicidi per la medesima faida sono stati gia’ oggetto di una sentenza emessa dalla Corte d’Assise di Catanzaro. Il processo per associazione mafiosa a carico del clan Patania e’ stato invece celebrato dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.