Stampa Stampa
97

PRESERRE (CZ) – VENDEVANO FUNGHI SENZA AUTORIZZAZIONE, SEQUESTRATI 30 CHILOGRAMMI TRA PORCINI E ROSITI


Intensificati i controlli del CfS nell Sila Catanzarese sulla commercializzazione dei funghi freschi raccolti e messi in commercio da chi è sprovvisto di tessera professionale

Articolo e foto di Gia. RO. 

 PRESERRE (CZ)- 29 SETTEMBRE 2016 –  Anche in considerazione dei diversi gravi casi di intossicazione da funghi avvenuti in Calabria, il comando provinciale del Corpo Forstale dello Stato ha intensificato i controlli, oltre a quelli specifici all’interno delle aree boscate relativi al controllo della raccolta, anche lungo le principali vie di comunicazione nelle zone di montagna della Sila Catanzarese con specifico riferimento alla commercializzazione, tenuto conto del perdurare delle favorevoli condizioni climatiche idonee allo sviluppo dei funghi.

Nel corso dei controlli in località Granaro del Comune di Sorbo San Basile, sono stati posti in essere dei controlli mirati alla commercializzazione dei funghi nel corso dei quali sono stati individuati più soggetti che esponevano per la vendita i funghi, in assenza delle autorizzazioni necessarie.

In particolare la vendita dei funghi avveniva senza la prevista autorizzazione comunale, il certificato micologico dell’Asp e senza la tessera professionale necessaria per poter procedere alla vendita. Ai diversi soggetti è stata contestata la violazione sia della legge 353/93 che della legge regionale 9/09, ed i funghi, esposti alla vendita, sono stati sottoposti a sequestro.

I funghi sequestrati, circa 30 chilogrammi, appartengono alla specie Boletus edulis il cosiddetto porcino, Cantharellus cibarius il cosiddetto gallinaccio e Lactarius deliciosus il cosiddetto rosito sono stati consegnati al Comune di Sorbo San Basile, autorità amministrativa competente alla confisca obbligatoria dei funghi.

Si coglie l’occasione, data anche la possibile previsione di una stagione di raccolta funghi, di fare un appello affinché si proceda alla raccolta e alla commercializzazione dei funghi nel rispetto delle regole, che dato il tempo intercorso dall’emanazione della legge regionale, il 2001, e le numerose associazioni esistenti dovrebbero ormai essere consolidate e generalizzate nell’immaginario collettivo.

Analogamente si raccomanda il rispetto delle basilari semplici regole, reperibili anche sul sito del C.f.S., per evitare di perdersi nei boschi durante la raccolta, ed in tale contesto si stanno purtroppo moltiplicando le segnalazioni ed i ritrovamenti quale quello di 2 persone di Albi e di Cinisello Balsamo, verificatesi la settimana scorsa nei boschi della Valle del Tacina.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.