- PreSerre e Dintorni - http://www.preserreedintorni.it -

PRESERRE (CZ) – PRO LOCO AMARONI E “TERRA DI MEZZO” FANNO “RETE” PER IL TERRITORIO

Sottoscritto protocollo d’intesa in vista di iniziative a tutto campo per la promozione del comprensorio e delle eccellenze locali

di Fra. PO.

PRESERRE (CZ) – 6 MAGGIO 2016 –  Organizzare iniziative nei campi della promozione culturale, sociale e turistica, valorizzando le eccellenze del territorio.

Sono gli obiettivi alla base del protocollo d’intesa sottoscritto in questi giorni dalla Pro Loco di Amaroni e dall’associazione di promozione sociale e culturale “Terra di Mezzo” di Vallefiorita.

L’intento di fondo è chiaro. Il patto si annovera a pieno titolo nel mosaico di costruzione e di rafforzamento della rete associativa territoriale che, ad oggi, vanta oltre trenta associazioni. Non solo firme e intenti però. Nelle prossime settimane, infatti, verrà data vita ai tavoli di lavoro sui progetti specifici. Nell’attività saranno coinvolti i Comuni e le associazioni del territorio che hanno aderito e manifestato diretto interesse per uno sviluppo coordinato e partecipato del territorio.

Soddisfazione ed entusiasmo ha accompagnato il nero su bianco in entrambi gli “ambienti”. Anna Giampà, presidente della Pro loco di Amaroni, sottolinea di «aver accolto con piacere l’idea di creare una grande rete, così come avviata dal’ associazione “Terra di Mezzo” con altre realtà sull’intero territorio regionale».

Giampà, inoltre, ricorda che «la mia associazione ha da tempo avviato iniziative internazionali, non ultima la corrispondenza avviata con la città slovena di Lukovica. La sottoscrizione di questo rapporto d’amicizia con l’associazione “Terra di Mezzo”, leader a livello regionale sul programma “Erasmus+”, non farà altro che essere di buon auspicio e di supporto a quanto sta avviando la nostra Pro loco».

Le fa eco Gianni Paone, presidente dell’associazione “Terra di Mezzo” evidenziando che si opererà «sia per quanto riguarda le imprese locali, come ad esempio la produzione del miele e dell’olio, oltre che dell’artigianato locale, sia per quel che riguarda gli aspetti naturalistici e di forte richiamo turistico, oltre alla programmazione e all’organizzazione di eventi culturali durante tutto il corso dell’anno».