Stampa Stampa
52

PRESERRE (CZ) – MANNO “TRAE IL DADO”: «NON MI CANDIDO»


Grazioso Manno

Presidente consorzio bonifica Catanzaro rompe gli indugi su una sua possibile scesa in campo alle prossime elezioni politiche. E gioca al rialzo per il rilancio degli enti consortili

 di Franco POLITO

 PRESERRE (CZ) –  9 GENNAIO 2018 –  Fino a qualche giorno addietro si era “trincerato” dietro un garbato “grazie, ma no comment”. Oggi, invece, ha deciso di “trarre il dado”.

 Dopo le avance degli schieramenti politici di una proposta di candidatura in occasione delle prossime elezioni politiche, il Presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Catanzarese Grazioso Manno, rompe gli indugi e annuncia di non candidarsi.

 Come da par suo però, non si lascia sfuggire questa occasione per rilanciare sul ruolo dei Consorzi di Bonifica che definisce “la mia vera passione e il mio grande amore”. 

 Resterò Presidente del Consorzio e continuerò ad esercitare tutte le prerogative – dichiara – fino a quando i consorziati mi vorranno e voteranno. Il lavoro quotidiano nella bonifica – continua Manno – permette un contatto con tutti i cittadini, le Istituzioni, le associazioni con un confronto serrato e a stretto contatto con i problemi reali quali: sviluppo, gestione dell’acqua, lavoro, occupazione, sicurezza idrogeologica, realizzazione di progetti per la collettività.

 Non sono mai rimasto con le mani in mano e continuo a non farlo. Continuerò a battermi per il rifinanziamento della Diga sul Fiume Melito e per vedere completata l’opera che apporterà, come i fatti di questi giorni dimostrano, notevoli vantaggi alla popolazione  e ai sistemi produttivi. 

Continuerò ad incalzare e a suonare la sveglia per  legislatori e responsabili di governo nazionale e regionale che appaiono quantomeno sonnolenti  per dare aria e energia all’economia reale che i Consorzi di Bonifica rappresentano.

 Questo significa – aggiunge – che i temi della bonifica e dell’irrigazione devono tornare ad essere centrali nell’agenda politica della Regione Calabria. Dopotutto, basta attuare quanto previsto dalla L.R. 11 del 2003, che disciplina compiti e funzioni dei Consorzi di Bonifica e che è all’avanguardia. 

 La  Regione, al fine di garantire l’ordinato assetto del territorio e delle sue risorse, promuove ed attua, quale fondamentale azione di rilevanza pubblica, la bonifica integrale come strumento permanente finalizzato alla tutela, allo sviluppo e alla valorizzazione del territorio rurale e degli ordinamenti produttivi con particolare riguardo alla qualità; all’approvvigionamento, alla tutela, regolazione e utilizzazione delle acque a prevalente uso irriguo; alla salvaguardia dell’ambiente.

 Per fare questo – insiste Manno –  in attuazione del principio di sussidiarietà, la Regione si avvale dei Consorzi di bonifica ai quali riconosce prevalente ruolo sul territorio ai fini della progettazione, realizzazione e gestione delle opere di bonifica e di irrigazione, nonché degli interventi di tutela ambientale. Da questo bisogna ripartire convinto più che mai che se un sogno ha tanti ostacoli, allora è quello giusto.

 Resto qui dove sono – conclude Manno – non ho alcun dubbio”.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.