Stampa Stampa
57

PRESERRE (CZ) – LA STORIA – Fabrizio Catalano, nove anni fa la scomparsa. Il “viaggio continuo” dei genitori per ritrovarlo


Ezio e Caterina ad Assisi

Ezio e Caterina ad Assisi

Mamma Caterina e papà Ezio oggi saranno ad Assisi. Dove tutto è cominciato. Ancora una volta grideranno il loro appello: <<Fabrizio torna, ti aspettiamo>>

di Franco Polito

PRESERRE (CZ) – 21 LUGLIO 2014 – Nove anni esatti. Dal 21 luglio 2005 ad oggi. Nove anni di “assenza – presenza” senza tregua e quella parola “scomparso” che rimbomba tra mille domande. Caterina Migliazza ed Ezio Catalano sono un moto continuo. Lo saranno finché non avranno ritrovato o avuto notizie del loro figlio Fabrizio, scomparso nove anni addietro ad Assisi sul sentiero francescano della pace.

Allora diciannovenne, Fabrizio in terra umbra ci era andato per frequentare un corso di musicoterapia. Lo attendevano le vacanze in Calabria, a Girifalco, nel catanzarese, paese di origine della mamma, da una vita trasferitasi a Collegno, in Piemonte. Da quel 21 luglio 2005 per Caterina ed Ezio è stato un pullulare di iniziative. Li sostiene la certezza che Fabrizio è vivo. Non basta un’indagine chiusa, i tanti silenzi ricevuti, le tante porte chiuse in faccia a fermarli.

La trasmissione televisiva di Rai Tre “Chi l’ha visto?”, il libro “Cercando Fabrizio. Storia di un’attesa senza resa” scritto da Caterina con l’amica Marilù Tomaciello, il comitato “Cercando Fabrizio”, gli incontri con le scuole e i viaggi in lungo e largo per lo Stivale sono solo alcune delle iniziative messe in piedi dalla famiglia Catalano per ritrovare “Fabri”.

Al fondo di tutto c’è il “viaggio”. Il “moto continuo” alla ricerca di Fabrizio. E’ stato così anche in questi giorni. Sarà sempre così.<<Dopo l’ appello corale insieme alle mamme di Davide Barbieri e Laura Volpeattraverso Chi l’ha Visto? – spiegano Caterina ed Ezio – il nostro “viaggio di ricerca” è continuato con la prima tappa alla Fraternità di Romena. Cominciato venerdì 18, il percorso si è concluso ieri. Con noi c’erano tante altre “mamme coraggio” e don Ciotti per portare la nostra testimonianza di speranza e attesa>>.

Oggi, giorno dell’anniversario della scomparsa di Fabrizio, la meta è Assisi. Dove tutto è cominciato. <<Stiamo proseguendo verso Assisi – ci fanno sapere i coniugi Catalano – percorrendo luoghi ed eremi adiacenti al sentiero francescano della pace. Ci stiamo recando al Santuario francescano della Vernafamoso per essere il luogo in cui San Francesco d’Assisi avrebbe ricevuto le stigmate il 14 settembre 1224. Ribusseremo agli eremi dove avevamo bussato nel 2005 e ritappezzeremo di locandine fino a raggiungere Assisi. Nella piazza del Comune stazioneremo con i nostri cartelloni e porteremo le nostre suppliche a San Francesco e faremo ancora il nostro appello: FABRIZIO TI ASPETTIAMO!>>.

Un percorso a ritroso, rispetto a quello del Santo patrono d’Italia, con quella angosciante domanda che ancora non ha trovato risposta: cosa è successo a Fabrizio? Alcuni suoi oggetti sono stati ritrovati lungo il sentiero francescano Assisi – Gubbio. Come è possibile che lui sia svanito nel nulla?

<<Tra pochi giorni – dicono ancora Caterina ed Ezio – inizierà la marcia francescana che passerà proprio per quei luoghi e chissà che in mezzo ai tanti partecipanti qualcuno non riconosca Fabrizio e lo riconduca a noi!>>.

L’attesa continua … senza resa. Prossima destinazione la Calabria. Sabato prossimo, 26 luglio, alle 21.00Ezio e Caterina saranno a Celico, nel cosentino, con Albanascente e la sorella di Rina Pennetti, scomparsa da Rende (Cs) il 6 ottobre del 2009. Poi il viaggio proseguirà in provincia di Catanzaro, a pochi chilometri da Girifalco. Prima a Borgia, l’1 agosto, poi a Staletti, giorno 4.

L’obiettivo è sempre quello. <<Ci rivolgeremo a tutti – concludono Caterina ed Ezio – a chiunque sappia qualcosa sulle sorti del nostro figlo, perché un’indagine può anche essere archiviata ma il cuore di un genitore che aspetta non può conoscere pace. Così anche quest’anno sentiamo il forte bisogno di non fermarci e di gridare ancora una volta a gran voce: “Aiutateci a ritrovare Fabrizio!”>>.

 

 

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.