Stampa Stampa
51

AMARONI (CZ) – FURTO A IMPIANTO SORICAL, DISAGI NELLE PRESERRE (AGGIORNATO)


Rubati 1.500 metri cavi ad Amaroni. Indagano i carabinieri

di REDAZIONE 

AMARONI (CZ) – 12 APRILE 2017  – Disagi nell’erogazione idrica in una vasta zona della provincia di Catanzaro a causa di un furto di rame la scorsa notte nell’impianto Sorical di contrada Maiorizzini ad Amaroni.

I ladri hanno portato via circa 1.500 metri di cavi tra le condutture Enel e quelle interne della struttura determinando il blocco dell’impianto, che serve le popolazioni di Girifalco, Amaroni, Squillace Lido e Stalettì. Il furto è stato denunciato dalla Sorical ai carabinieri della Compagnia di Girifalco.

Sul posto sono al lavoro i tecnici della società di gestione delle risorse idriche calabresi che contano di ripristinare il servizio in serata.

Il furto è il secondo che si verifica nell’impianto di Amaroni, in grado di erogare un milione di metri cubi d’acqua all’anno, dopo quello avvenuto lo scorso mese di gennaio. In otto mesi quello della notte scorsa è il quinto furto di rame ai danni di un impianto della Sorical.

AGGIORNAMENTO DI OGGI, GIOVEDI’ 13 APRILE 2017 

AMARONI (CZ) – Il sindaco di Amaroni, Gino Ruggiero, e l’amministrazione comunale, attraverso un avviso pubblico, hanno fatto sapere che «la Sorical, ha comunicato che a seguito dell’ennesimo furto di cavi agli impianti di sollevamento in località “Maijurizzuni”, gli stessi non possono rifornire di acqua potabile i serbatoi comunali».

«Le nostre riserve – hanno aggiunto – garantiscono una autonomia di 12 ore».

L’avviso si conclude con l’invito ai cittadini «ad un uso ponderato di acqua potabile, al fine di ridurre al massimo il disservizio».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.