Stampa Stampa
782

PRESERRE (CZ) – FAIDA DEL SOVERATESE, OMICIDIO TODARO: 30 ANNI A MICHELE LENTINI


Decisione della corte d’Assise di Catanzaro. Pm aveva chiesto l’ergastolo

di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) – 21 LUGLIO 2016 –  È stato condannato a 30 anni di reclusione, in primo grado, Michele Lentini  (in foto), ritenuto un esponente di spicco della cosca Sia-Procopio-Tripodi, accusato di avere partecipato all’uccisione di Giuseppe Todaro, 29 anni, occultandone poi il cadavere con un escavatore.

Lo ha stabilito lunedì scorso la corte d’Assise di Catanzaro. Nei suoi confronti il sostituto procuratore della Dda, Vincenzo Capomolla, lo scorso mese di giugno in sede di requisitoria aveva chiesto l’ergastolo per l’imputato. Giuseppe Todaro era figlio di Domenico, vecchio affiliato dei Gallace di Guardavalle e oggi collaboratore di giustizia.

L’omicidio del 29enne si inquadra nella faida del Soveratese tra i Gallace di Guardavalle e i Sia-Procopio-Tripodi. Secondo l’accusa Michele Lentini ha preso parte attiva anche alla decisione di eliminare Giuseppe Todaro, ucciso «perché, per le sue velleità criminali, era considerato un pericolo per il sodalizio Sia-Procopio-Tripodi». Per l’omicidio di Totaro è già stato condannato a 20 anni di reclusione, in appello, Maurizio Tripodi.    

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.