Stampa Stampa
16

PRESERRE (CZ) – ETICHETTA MADE IN ITALY SUL LATTE, STORICO VIA LIBERA DALL’UNIONE EUROPEA


Molinaro: “Nella giornata mondiale dell’alimentazione migliore annuncio non poteva giungere”

di REDAZIONE

PRESERRE (CZ) –  15 OTTOBRE 2016 –  «Abbiamo contribuito con grande impegno e convinzione allo storico via libera della Unione europea alla richiesta italiana di indicazione di origine obbligatoria per il latte e i prodotti lattiero-caseari».

Questo il commento a caldo del presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro che a Cernobbio dove partecipa al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione della Coldiretti ha appreso del via libera comunitario che, risponde alle esigenze di trasparenza dei cittadini-consumatori. «Il provvedimento riguarda – sottolinea – l’indicazione di origine del latte o del latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero -caseari che dovrà essere indicata in etichetta con:a) “paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte”; b) “paese di condizionamento: nome della nazione nella quale il latte è stato condizionato” c) “paese di trasformazione: nome della nazione nella quale il latte è stato trasformato».

«Con l’etichettatura di origine (vedi foto)  – aggiinge –  si dice finalmente basta all’inganno del falso Made in Italy con tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia che sono stranieri, cosi come la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero, ma nessuno lo sa perché non è obbligatorio riportarlo in etichetta”, “si tratta anche di un importante segnale di cambiamento a livello comunitario sotto la spinta dell’alleanza con la Francia che ha adottato un analogo provvedimento». 

I 341 allevamenti da latte presenti in Calabria, possono finalmente mettere la firma sulla produzione di latte, formaggi e derivati che – sottolinea – è garantita a livelli di sicurezza e qualità superiore grazie al sistema di controlli realizzato dalla rete di veterinari ma anche ai primati conquistati a livello comunitario con i formaggi a denominazione di origine realizzati sulla base di specifici disciplinari di produzione.

«E’ il coronamento  – commenta Molinaro -di una intensa e variegata mobilitazione che Coldiretti anche in Calabria ha portato avanti. Voglio ricordare  le nostre mobilitazioni regionali a partire dal 6 febbraio 2015, denominata “Allevatori per un giorno” a quella del 5 maggio scorso dove, in Piazza dei Bruzi a Cosenza, venne allestita la “Fattoria di Campagna Amica”.  Una forte richiesta di trasparenza e di tutela del “vero made in Italy” è venuta dalla  grande adesione dei cittadini, dalla condivisione delle Istituzioni con in testa la Regione con il Presidente della Giunta Oliverio e del Consiglio Regionale Irto ed ancora: da sindaci, associazioni dei consumatori, l’università che hanno aderito al “Manifesto sull’Etichettatura”, che, ricordo,  ha raccolto, nella sola nostra regione,  migliaia di adesioni».

«Con l’etichetta salva latte – conclude Molinaro – cambierà molto e avremo la possibilità di difendere il lavoro, la biodiversità, gli animali, le stalle, i prati ed i pascoli custoditi da generazioni».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.