Stampa Stampa
7

PRESERRE (CZ) – COMMERCIO ESTERO: COLDIRETTI, ALIMENTARE SPINGE EXPORT NEL SUD


Alla Calabria un + 12,9%. Molinaro: un risultato molto positivo che può migliorare con il PSR 2014-2020

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  13 DICEMBRE 2016 –  A spingere le esportazioni nel Sud contribuisce in misura determinante l’alimentare che cresce del +12,9% in Calabria. 

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati sul commercio estero dell’Istat nei primi nove mesi del 2016. Mentre a livello nazionale – sottolinea la Coldiretti – le esportazioni alimentari crescono del 3,7% rispetto alla media generale dello 0,5%, “la performance delle imprese agroalimentari calabresi quindi è ancor più positiva ed eloquente” – commenta Pietro Molinaro Presidente di Coldiretti Calabria.  Un risultato che va ascritto al lavoro fatto sul mercato dalle imprese in particolare condotte da giovani agricoltori e una  conferma  -aggiunge – della strategicità del settore per la ripresa economica ed occupazionale. 

Con questi dati infatti il nostro agroalimentare può volare  verso un nuovi record delle esportazioni”. L’agroalimentare  – continua la Coldiretti – svolge un effetto traino unico sull’intera economia per l’impatto positivo di immagine sui mercati esteri dove il cibo Made in Italy è sinonimo di qualità. “Gli spazi sono tanti – precisa Molinaro – basti pensare che questo risultato è stato ottenuto ancora di assenza di un acceleratore quali sono i fondi del PSR 2014-2020 sui quali, proprio per patrimonializzare  e consolidare il trend  è necessario procedere velocemente nel finanziamento dei progetti e contestuale erogazione degli aiuti alle imprese. 

Insomma, in uno dei momenti più  difficili degli ultimi decenni  – aggiunge – la Calabria agricola ha reagito investendo sul vero Made in Calabria puntando sulla distintività , biodiversità  in simbiosi con la storia enogastronomica del cibo calabrese di qualità.  Questo è il modello di sviluppo fa vincere la Calabria  che ha avuto una promozione efficace ad Expo Milano dove abbiamo proposto l’intensità e il fascino della Calabria antica, autentica, accogliente. 

L’andamento sui mercati internazionali potrebbe ancora ulteriormente migliorare – conclude – se si persegue una più efficace tutela nei confronti della “agropirateria” internazionale che erode alla Calabria circa unmiliardo di euro l’anno e che utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano ala nostra regione per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la nostra realtà produttiva.

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.