Stampa Stampa
31

PRIMO PIANO – PRESERRE (CZ) – Casa della salute di Chiaravalle, i sindaci Pitaro e Procopio annunciano battaglia legale


Il sindaco di Montauro Leo Procopio

Il sindaco di Montauro Leo Procopio

Il sindaco di Torre di Ruggiero Pino Pitaro

Il sindaco di Torre di Ruggiero Pino Pitaro

I primi cittadini di Torre di Ruggiero preavvisano <<il direttore generale Mancuso che, se continuerà a non trasmettere i chiesti provvedimenti amministrativi e persisterà nell’atteggiamento omissivo, presenteremo esposto-querela presso la Procura della Repubblica di Catanzaro>>

di f.p.

PRESERRE (CZ) – 23 LUGLIO 2014 – Ancora una volta la questione salute del comprensorio delle Preserre Catanzaresi. Di nuovo la Casa della Salute di Chiaravalle Centrale nelle parole del sindaco  di Montauro Leo Procopio e di  Torre di Ruggiero Pino Pitaro. 

Termini e idee <<relativa alla costruenda “Casa della Salute” di Chiaravalle Centrale – affermano i due – i cui lavori, nonostante le innumerevoli promesse e le conferenze stampa del ditrettore genrale  dell’Asp, non sono mai partiti, per richiedere, ancora una volta, formalmente tutti i provvedimenti amministrativi relativi alla nomina di un presunto commissario per la “Casa della Salute”.  Tale richiesta era già stata notificata circa due mesi addietro, ma a tutt’oggi colpevolmente il direttore generale dell’ASP nulla ha ancora trasmesso>>.

Per Procopio e Pitaro <<è necessario che i sindaci conoscano i poteri e la durata del mandato del nominato commissario della “Casa della Salute”, la cui legittimità, in ogni caso, andrà valutata nelle sedi competenti>>.

<<Senza voler entrare nel merito delle competenze morali e personali del nominato commissario – dicono ancora i due primi cittadini – ci si chiede la ragione per cui non sia stato utilizzato per tale scopo il personale Asp disponibile dell’ospedale di Chiaravalle Centrale. Peraltro, da notizie informalmente apprese, si è saputo che il nominato commissario invade la competenza del personale entrando nel merito di problematiche ospedaliere>>.

Tutto come premessa alla cobclusione del loro ragionamento. <<Preavvisiamo il direttore generale Mancuso  – concludono Pitaro e Procopio – che, se continuerà a non trasmettere i chiesti provvedimenti amministrativi e persisterà nell’atteggiamento omissivo, presenteremo esposto-querela presso la Procura della Repubblica di Catanzaro>>.

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.