Stampa Stampa
10

PRESERRE (CZ) – CAMPAGNA REFERENDARIA, COMITATO PER IL NO BASSO IONIO E PRESERRE CHUDE A SERRA SAN BRUNO


Stasera, a partire dalle 18, in piazza Monumento

di REDAZIONE 

PRESERRE (CZ) –  2 DICEMBRE 2016 –  Chiusura di campagna referendaria a Serra San Bruno per ribadire le ragioni del NO alla consultazione popolare di domenica prossima. Oggi venerdì 2 dicembre, in Piazza Monumento, dalle ore 18, si ritroveranno per un ultimo appello i rappresentanti del Comitato Civico Pro Serre, del Comitato Basso Ionio e Preserre e della Rete per il No Sociale.

 Questi comitati, insieme ad associazioni come l’Anpi e a tantissime altre, in queste settimane hanno lavorato per sostenere il No ad una riforma che ha l’obiettivo di dare un colpo decisivo alla già malmessa democrazia del nostro Paese, eliminando diritti e garanzie rappresentati dalla Costituzione, per assicurare ai governi più potere decisionale e rendere innocua la volontà del popolo e delle comunità locali che oggi rappresentano un “intralcio” all’operato delle classi dominanti.

 Al netto del “nuovismo” d’invenzione renziana, questa riforma non solo è espressione delle più retrive posizioni conservatrici, ma è anche (volutamente) scritta in maniera approssimativa e confusionaria. D’altronde, essa rappresenta l’ultimo di un’infinita serie di attacchi sferrati dalle elites neoliberiste internazionali contro la libertà politica del nostro paese. Le radici di questo attacco vengono da molto lontano ed ecco perché questo referendum non deve essere solo la statica difesa della costituzione, ma la lotta per l’applicazione dei suoi valori e ideali fondativi nella maniera più progressista possibile per unire le forze sociali e abbattere il sistema anti-sociale e anti-umano che sta uccidendo il nostro Paese e il nostro Pianeta.

Interverranno: Salvatore Albanese (Comitato Civico Pro Serre), Guerino Nisticò (Comitato Basso Ionio e Preserre) ed Eugenio Occhini (Rete per il NO sociale)

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.