Stampa Stampa
150

PRESERRE (CZ) – AMARONI E LUKOVICA SEMPRE PIU’ “GEMELLE”


Viaggio di una delegazione comunale di Amaroni in terra slovena per la sottoscrizione del Patto di Amicizia. L’obiettivo è dare vita a un Gemellaggio Europeo

di Franco POLITO

AMARONI (CZ)- 27 SETTEMNRE 2016 – Si rafforza il “Patto di Amicizia” tra Amaroni e la cittadina slovena di Lukovica in vista della costituzione del Gemellaggio Europeo. Dopo la firma di qualche mese addietro nella sala consiliare del Comune Amaronese, nuovo appuntamento tra le due delegazioni e nuova sottoscrizione da parte dei primi cittadini.

listener-1

Stesso pathos, stessa intensità emotiva: a mutare è solo la cornice. Questa volta è Amaroni che rende visita a Lukovica per un soggiorno durato dal 22 al 25 settembre scorsi. La delegazione amaronese è corposa. la compongono il sindaco Gino Ruggiero, l’assessore al Bilancio Teresa Lagrotteria, i consiglieri di m maggioranza Patrizia Ruggiero e Francesco Muzzì oltre al presidente del Gemellaggio “Amaroni per l’ Europa” Anna Giampà con i componenti Micaela Papa, Angela Mirante, Barbara Olivadoti e Franco Cardamone, neo presidente della Pro Loco di Amaroni.

A riceverli in Slovenia il Sindaco di Lukovica Matej KotniK e il Segretario Generale dell’ ente, Stojan Majdic. Abbracci intensi in un paese amico e dai paesaggi mozzafiato. Primo incontro informale con alcuni consiglieri comunali ed esponenti di associazioni turistiche locali.

Uno dei primi appuntamenti, giorno 23, è con per gli apicoltori di Lukovica. «E sì – spega una nota dell’amministrazione comunale – il miele è stato “l’elemento” che ci ha fatti incontrare! Amaroni e Lukovica vantano una secolare e straordinaria tradizione. Interessante è stato lo scambio di opinioni e il confronto sulle tecniche di produzione e sulla produzione locale che oltre al miele comprende la “melata”, pregevole quella di abete rosso. I padroni di casa di hanno fatto notare la particolarità dei frontalini delle arnie orizzontali  che riproducono scene dell’apicoltura ma non solo».

Poi la visita alla scuola elementare e media  dove li attende l’accoglienza della preside e del corpo insegnanti. Gli alunni prorompono nel loro caloroso benvenuto anche con  balli, esecuzione di pezzi musicali della tradizione popolare. Interessante la lezione di lingue e graditissima la degustazione di alcuni dolci tipici sloveni prima della visita a Trojane «dove abbiamo visto la linea di produzione dei krapfen» aggiunge la nota.

listener-2

Arriva, quindi, uno dei momenti solenne ovvero la commemorazione dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Ai piedi della statua della Beata Vergine Maria, situata nella piazza vicina alla sede del Comune, i due sindaci depongono ciascuno una corona d’alloro, con i colori delle rispettive nazioni. La commozione prende il sopravvento per una celebrazione che il sindaco e la popolazione di Lukovica hanno voluto condividere con Amaroni. Lo testimoniano anche i picchetti d’onore e la banda locale che, prima della deposizione delle corone, suona gli inni Italiano, prima, e sloveno, poi.

Al termine della cerimonia tutti alla Casa della Cultura “Janka Kersnika” del Comune  per l’incontro con la Cittadinanza di Lukovica. Parte un altro momento di particolare commozione. Intenso l’intervento del sindaco Matej Kotnik che ha spiegato le motivazioni che hanno portato verso la sottoscrizione del patto di amicizia ad Amaroni (lo scorso 2 luglio) e la prosecuzione del forte legame di amicizia in vista del Gemellaggio vero e proprio. Kotnik riporta ai suoi cittadini, alle associazioni presenti e ai consiglieri comunali di Lukovica tutto l’affetto e la stima nei confronti degli amaronesi.

Prima l’intervento del presidente del corrispondente comitato costituitosi a Lukovica per continuare con il Gemellaggio Tomaž Andrejka, che è anche consigliere comunale, che accoglie la comitiva di Amaroni con un caloroso benvenuto;

Segue l’intervento del presidente del comitato “Amaroni per l’ Europa” Anna Giampà: un altro momento toccante e ricco di splendide parole per questa cittadina amica. Infine l’intervento ufficiale del sindaco Gino Ruggiero, «anch’esso ricco di pathos e forte ringraziamento per questa splendida gente – sottolinea ancora la nota –  per questa splendida cittadina, con indicazioni  di quanto il realizzando Gemellaggio possa divenire concreta opportunità di conoscenza reciproca, scambi economici e culturali, nel rispetto delle proprie individualità e storia. Il tutto e’ stato intervallato dall’esibizione del Coro Polifonico di Lukovica e dal gruppo folkloristico del luogo. Durante gli interventi sono state mandate immagini di Amaroni e video per dare modo  alla cittadina di conoscerci».

Chiuso il momento istituzionale, il resto della delegazione si è presentata alla cittadina slovena; sono stati allestiti all’interno spazi da parte delle associazioni artigiane, apistiche e gastronomiche locali. «L’obiettivo – insiste il comunicato –  era far conoscere a noi la realtà economica e rurale di questo bellissimo borgo, situato nella regione Zahodna Slovenija, le loro tradizioni. E poi un bellissimo momento conviviale dove ognuno ha avuto modo di arricchirsi, in un rapporto di reciproca conoscenza e scambio  davanti alla degustazione degli ottimi cibi della tradizione slovena». 

Il giorno successivo, sabato 24, tocca al Tavolo Tecnico per definire gli obiettivi del Gemellaggio e le prossime procedure operative, alla presenza del sindaco Kotnik, del segretario generale, del presidente del Comitato per il gemellaggio di Lukovica, che è anche consigliere comunale,  Tomaž Andrejka, del  presidente degli apicoltori di Lukovica, Mitja Nakrst,  di Aleksandra  Gradišek   e Sasa Vidmar del Centro Di Sviluppo “Cuore della Slovenia-   Team of Development Centre of the Heart of Slovenia, nonché di Katka Bohnic dipendente comunale e referente per il comune nella futura progettazione. Presenti anche altri consiglieri. Uno scambio di idee ed opinioni con la definizione dei gruppi di lavoro che seguiranno le fasi della progettazione, sulla quale ha relazionato per Amaroni  Micaela Papa, esperta di progettazione europea, membro del Comitato “Amaroni per l’ Europa” e componente dell’associazione “Terra di mezzo”. A seguire la firma del “ patto di amicizia” da parte dei due sindaci e lo scambio dei doni tra le Comunità.

listener-3

Non  manca la tradizionale visita alla struttura che ospita il comune, in sloveno Občina, di  Lukovica. Nel pomeriggio visita guidata nella stupenda capitale Slovena, Lubiana; qui un altro momento istituzionale importante: l’incontro con l’Ambasciatore Italiano in Slovenia,  Paolo Trichilo, di origini calabresi. «Un bellissimo  momento di conoscenza e scambio avvenuto nel centro storico di Lubiana – dice la nota ; quattro chiacchiere per spiegare le ragioni di questa amicizia e gli obiettivi che ci proponiamo di raggiungere insieme. Ringraziamo il sindaco Kotnik per aver favorito questo importante incontro e ringraziamo l’ambasciatore Italiano per le belle parole di incoraggiamento e per l’affetto con cui ci ha accolti».

Domenica 25 visita al pittoresco castello di Predjama, che da oltre 700 anni domina la vallata  dalla roccia alta 123 metri; altro capolavoro dell’uomo, dimora segreta  del temerario cavalier Erasmo di Predjama. Nel pomeriggio i saluti, tra tante soddisfazioni per questi meravigliosi giorni trascorsi insieme nel segno dell’amicizia e della stima reciproca.

«Grazie Lukovica per averci accolto con tanto affetto – conclude la nota –  Noi qui ci siamo veramente sentiti a casa. Grazie Matej, un altro amico vero di Amaroni. Ed ora, tutti al lavoro per questo altro importante, voluto ed autentico progetto comune».

 

 

 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.