Stampa Stampa
33

POSTE, NELLE PROVINCE DI CATANZARO E VIBO ASSUNTI 40 GIOVANI. LA TESTIMONIANZA DI IMMACOLATA, PORTALETTERE A SOVERATO


In tutta la regione sono 86 le nuove risorse con contratto a tempo indeterminato.  destinate a rafforzare l’organico degli Uffici Postali e della filiera logistica

di REDAZIONE 

 – PRESERRE (CZ) –  29 OTTOBRE 2021  – Prosegue l’impegno di Poste Italiane nel creare nuove opportunità di lavoro nel nostro Paese anche in un periodo segnato dall’emergenza sanitaria ed economica.

I numeri delle assunzioni in Calabria

In tutta la regione Calabria, da inizio anno sono state effettuate 61assunzioniche si sommano ai 25inserimenti del 2020.Di queste,56risorsesono state selezionate dal mercato e andranno a rafforzare l’organico degli Uffici Postali, tra operatori di sportello e specialisti consulenti finanziari, mentre altri 30 sono state inserite nella filiera logistico postale, avendo già lavorato in passato con Poste Italiane come portalettere o addetti allo smistamento con uno o più contratti a tempo determinato e per una durata complessiva di almeno 9 mesi.

Il dato della province di Catanzaro e Vibo Valentia

Nelle sole province di Catanzaro e Vibo Valentia, da gennaio 2020, sono stati assunti con contratto a tempo indeterminato 40 nuove risorse tra cui portalettere, addetti agli sportelli degli uffici postali e consulenti finanziari.

La testimonianza di Immacolata, portalettere a Soverato

Immacolata Garretta è uno dei volti giovani, neo assunti, che è entrata a far parte della grande famiglia di Poste Italiane. Una laurea in Economia e commercio in tasca, conseguita presso l’Università degli Studi di Messina e la prima esperienza lavorativa a Badolato, piccolo centro della costa jonica catanzarese dove risiede.

Oggi Immacolata fa la postina a Soverato ed ogni giorno, puntualmente, inizia la sua “gita“dal Centro di distribuzione di via dei Bruzi. “La mia esperienza in Poste – dice Immacolata – inizia tra le vie della Capitale, dove nel 2017 sono stata chiamata a lavorare dopo aver inserito la mia candidatura nel portale di Poste.

Per due anni mi sono trasferita a Roma, nel quartiere Gianicolense”. Nel frattempo Immacolata si sposa ed oggi si divide tra il lavoro e le incombenze di mamma di due splendidi bambini.

 “Nel 2020 – continua la dipendente di Poste Italiane – arriva il contratto a tempo indeterminato ed il rientro nella mia Badolato. Il lavoro del postino, al contrario di quanto si potrebbe pensare, richiede impegno, passione e sforzo mentale ma il contatto quotidiano con il territorio e con le persone che lo vivono ripaga da qualsiasi sacrificio”.

Piano di stabilizzazione e politiche attive del lavoro

Il piano di stabilizzazioni delle risorse destinatarie di precedenti contratti a tempo determinato con Poste Italiane segue gli accordi sindacali del 13 giugno 2018,dell’8 marzo e del 18 luglio 2019 nonché le successive intese in materia e, in particolare, quella del 22 dicembre 2020che haprevisto250 stabilizzazioni totali distribuite in 44 province in tutta Italia.

Tali stabilizzazioni, infatti, si aggiungono alle stabilizzazioni già effettuate lo scorso anno in provincia di Rieti.

Le politiche attive concordate con le Organizzazioni Sindacali contribuiscono a realizzare in modo efficace le strategie delineate nel piano industriale “2024 Sustain & Innovate”, in particolare per quanto riguarda la nuova organizzazione del recapito, con l’obiettivo di trasformazione da operatore incentrato sulla corrispondenza tradizionale a primario player del crescente mercato dei pacchi e leader nel segmento B2C. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.