Stampa Stampa
61

PALERMITI (CZ) – L’amministrazione comunale secondo il sindaco Roberto Giorla


Per il neo primo cittadino la  priorità è «prenderci cura dei bisogni primari dei cittadini»

di Gianni ROMANO (Il Quotidiano del Sud)

PALERMITI (CZ) – 7 LUGLIO 2015 –  Palermiti ,paese immerso nel verde del catanzarese,1227 residenti per un territorio di 18,38 KMQ, un paese devoto alla Madonna della Luce con il santuario meta di pellegrinaggi nell’ultima settimana del mese di agosto, interessata alle elezioni amministrative, con tre liste presentate, Domenico Emanuele lista Palermiti luce nuova, Giuseppe Cantaffa lista Rinascita per Palermiti e Roberto Giorla lista Siamo Palermiti e proprio quest’ultima lista ha vinto le recenti competizioni elettorali.  

Le ultime precedenti elezioni amministrative si chiusero con un giallo  vinse per un solo voto il candidato  Enrico Comi su Franco Aloisi, una serie di ricorsi al tribunale di Catanzaro dopo verifica delle schede fece rivotare ma solo in una sezione, vinse invece Franco Aloisi che ora ha deciso di non ricandidarsi lasciando spazio al sul vice sindaco Roberto Giorla.

Sindaco Roberto Giorla nel segno della continuità amministrativa.

 «Vengo dall’esperienza di vicesindaco della passata amministrazione, della quale ho condiviso tutte le scelte politico-amministrative. Oggi quelle scelte e quei progetti rappresentano il nostro punto di partenza. L’amministrazione che mi onoro di guidare è però fatta da persone nuove con nuove idee e nuova voglia di fare, proprio per questo motivo,  oltre ai due assessori, ogni consigliere ha avuto una delega di primo piano, per mettersi in gioco ed esprimere al meglio le proprie idee e le proprie potenzialità».  

Quali le priorità della sua amministrazione?

«Come tutti i piccoli Comuni, Palermiti ha dei problemi di carattere socio-culturale ed economico di non facile risoluzione. Durante la campagna elettorale, Palermiti, è stato descritto come un paese disastrato e abbandonato a se stesso dove non si avevano servizi. Non è cosi, Palermiti ha bisogno sopratutto di organizzazione. Prenderci cura dei bisogni primari dei cittadini, questa è la nostra priorità. Quello che stiamo cercando di fare è dare la giusta collocazione a ognuno in modo che possa rendere al meglio, sia tra i dipendenti comunali che tra lavoratori contrattualizzati ex Lsu-Lpu, quest’ultimi sono quelli che maggiormente sono stati attenzionati in quanto si occupano della cura  manutenzione e decoro del centro abitato. Da qua a poco verrà aperto uno sportello amico che avrà il compito di fornire assistenza  indicazioni e raccogliere anche le lamentele su disservizi che i cittadini riscontreranno».

Come combattere lo spopolamento dei piccoli centri ?

«Questo è un problema che riguarda non solo i piccoli centri ma tutto il Mezzogiorno d’Italia, dovuto sopratutto alla mancanza di lavoro. Nei piccoli paesi sopratutto dell’entroterra, al problema del lavoro si aggiunge anche il livello della qualità di vita. A noi amministratori tocca il compito di cercare di risolvere o almeno migliorare entrambi i problemi. Naturalmente bisogna essere realistici e non riempirci la bocca di belle parole dando alla gente facili illusioni, la realtà dice che stiamo attraversando un periodo di crisi non solo nazionale ma che coinvolge tutta l’Europa basta sentire i telegiornali e quello che sta succedendo in Grecia per farci capire i problemi vanno oltre le possibilità dei singoli comuni. Noi amministratori dobbiamo stare attenti a cogliere tutte quelle opportunità  che si presentano per cercare di alleviare gli annosi problemi che affliggono i nostri territori sia dal punto di vista lavorativo che di qualità della vita».

Quali le prospettive e quali i lavori urgenti per il suo Comune quale opera pubblica le piacerebbe potere effettuare?

«Grazie al lavoro svolto dalla passata amministrazione ed in particolare dall’ex sindaco Franco Aloisi, abbiamo ereditato diversi finanziamenti che possono rappresentare opportunità di sviluppo sia economico che sociale per il nostro paese. Basti pensare al finanziamento da un milione di euro per la realizzazione di una tangenziale, che servirà la nascente zona industriale prevista nel PSC di prossima approvazione.L’urgenza riguarda l’inizio dei lavori di ristrutturazione dell’edifico della scuola media per consentire il regolare svolgimento delle lezioni agli alunni che fino ad oggi sono ospitati all’interno della scuola elementare. Sempre nell’area adiacente la scuola media, mi piacerebbe poter realizzare un area  attrezzata con campetti sportivi ed un anfiteatro da dedicare alle attività soco-ricreative. Di questo, noi, abbiamo presentato già un progetto adesso dovremmo essere bravi a lavorare a far si che diventi realtà».

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.