Stampa Stampa
25

OPERAZIONE “GENESI”, L’AVVOCATO TASSONE RESTA IN LIBERTÀ


Anche la Cassazione ribadisce: non c’è corruzione nel rapporto tra la legale e il giudice Petrini

Fonte: Edoardo CORASANITI (LANUOVACALABRIA.IT)

PRESERRE (CZ) – 27 SETTEMBRE 2020 –  L’operazione “Genesi” arriva in Cassazione. Accolta la tesi difensiva sulla inammissibilità del ricorso della procura di Salerno che voleva ripristinare la misura cautelare: l’avvocato Marzia Tassone, difesa dai suoi colleghi Valerio Murgano e Tonino Curatola, continua a rimanere in stato di libertà.

Dopo il Tribunale della libertà, è la Corte di Cassazione a confermare l’assenza assoluta di gravità indiziaria. 

Marzia Tassone è finita agli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Genesi”, il blitz che lo scorso 15 gennaio ha messo in luce un presunto giro di corruzione tra giudici, avvocati e professionisti.

Tassone deve rispondere di 4 presunti episodi di corruzione nei confronti del giudice della Corte d’Appello di Catanzaro e della Commissione TributariaMarco Petrini. 

Dalle carte delle indagini, a gennaio scorso Tassone è  identificata come la donna con una relazione stabile con il magistrato. Scattano i domiciliari (e una valanga di chiacchiere e pettegolezzi) fino al 13 febbraio: il Tdl di Salerno annulla l’ordinanza per mancanza di gravità indiziaria, come spiegherà qualche giorno dopo : non c’è corruzione.

Posizione che, oggi, di nuovo, viene fortemente indebolita dai magistrati romani che hanno confermato la decisione del Tdl, nonostante l’appello della Procura campana. 

Contatti

Blog Traffic

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.